A- A+
Cronache

 

Un uomo seduto su un letto e accanto il corpo di una donna apparentemente senza vita. L'uomo ha in mano uno straccio rosa. La donna ha le gambe divaricate e sullo sfondo c'è un'ombra di un braccio alzato con un coltello in mano. E' polemica in Campania per i cartelloni pubblicitari che si ispirano al femminicidio.

Si tratta della pubblicità di uno strofinaccio prodotto dalla Clendy, un'azienda di Casoria specializzata - come si legge sul sito - in "prodotti per la casa e cura della persona". Lo slogan pare fugare ogni dubbio: "Elimina tutte le tracce". La donna della foto sembra davvero essere appena stata uccisa, lo spunto sembra proprio il femminicidio.Altrettanto macabra la versione "femminile" della campagna, in cui i ruoli di vittima e assassino sono capovolti.

Una passante ha raccontato il proprio sdegno con una lettera a Repubblica, la giornalista Loredana Lipperini ha pubblicato la foto del cartellone sul suo blog, e in poco tempo è diventata virale. Adesso anche il movimento Il corpo delle donne ha deciso di prendere posizione, esortando le donne a fare denuncia all'Istituto dell'autodisciplina pubblicitaria.

Tags:
pubblictàstrofinaccionapolifemminicidio
in evidenza
Energia e misurabilità ESG Svolta nel libro di Dal Fabbro

Transizione green

Energia e misurabilità ESG
Svolta nel libro di Dal Fabbro

i più visti
in vetrina
Caldo record e rincari Condizionatori, come scegliere i migliori: i consigli per risparmiare

Caldo record e rincari
Condizionatori, come scegliere i migliori: i consigli per risparmiare





casa, immobiliare
motori
Ford Bronco sbarca in Europa

Ford Bronco sbarca in Europa


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.