A- A+
Cronache

Il giudice Donatella Galterio, della prima sezione civile del tribunale di Roma, ha accolto il ricorso con il quale una coppia romana portatrice sana di fibrosi cistica chiedeva, in vista di una fecondazione assistita, di poter effettuare la diagnosi preimpianto a spese del Servizio Sanitario nazionale. Il giudice, recependo una sentenza del febbraio scorso emessa dalla Corte di Strasburgo, ha ordinato il via libera, disapplicando cosi' la legge 40 sulla procreazione assistita che, al contrario, vieta tale analisi.

L'avvocato Nicolo' Paoletti, che assieme alla collega Claudia Sartori, ha portato avanti il ricorso dei coniugi Costa-Pavan, si e' detto soddisfatto: "E' una sentenza importante perche' disapplica una norma interna senza passare per la Corte Costituzionale. Adesso i nostri assistiti si rivolgeranno subito al Ssn per attivare tutte le procedure del caso". 

Tags:
leggefecondazione
in evidenza
Blasi, fuga romantica in Trentino È giallo sull'accompagnatore

Ilary in vacanza sui monti- FOTO

Blasi, fuga romantica in Trentino
È giallo sull'accompagnatore


in vetrina
ASPI, selezionate le top 20 mete dell’estate 2022 su Wonders

ASPI, selezionate le top 20 mete dell’estate 2022 su Wonders





casa, immobiliare
motori
Nave Destriero: da 30 anni un record imbattuto

Nave Destriero: da 30 anni un record imbattuto


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.