A- A+
Cronache
Lo Stato non ha soldi. Le maestre? Assunte dai genitori

Crisi, tagli e niente soldi. Così accade che le maestre, per lavorare, debbano essere assunte dai genitori degli alunne. E pure in pianta stabile. Succede a Treviso, alla scuola elementare Fanna, dove i genitori sono diventati datori di lavoro con un contratto a tempo indeterminato per quattro maestre. La scuola non riusciva a pagarle per coprire le ore pomeridiane...

Tutti i giorni dall’una alle 16.30, infatti, il servizio è garantito dalle tasche dei genitori dei bambini, che pagano le quattro maestre che tengono a scuola gli alliebi. Per garantire a madri e padri, come scrive la Tribuna di Treviso, il tempo da contratto richiesto, le maestre completano l’orario del doposcuola durante l’anno scolastico con l’accoglienza degli alunni prima dell’inizio delle lezioni e con il servizio di custodia al termine del doposcuola, qualora le famiglie ne facciano richiesta.

Le famiglie degli alunni si sono riunite nell’associazione “Canguro Fanna”. Un'associazione senza scopo di lucro, che può contare su una novantina di madri epadri iscritti. Un'idea nata per aiutare la scuola in difficoltà economica a garantire l'istruzione ai propri figli. Il costo? 80 euro al mese a famiglia.

 

Tags:
trevisomaestre
in evidenza
Noemi-Totti, le voci di un bebè Misteriosa trasferta in yacht

La nuova fiamma - FOTO

Noemi-Totti, le voci di un bebè
Misteriosa trasferta in yacht


in vetrina
Bianchi, presentata la nuova gamma di biciclette e-Vertic

Bianchi, presentata la nuova gamma di biciclette e-Vertic





casa, immobiliare
motori
Cesare Fiorio Destriero: un successo indimenticabile

Cesare Fiorio Destriero: un successo indimenticabile


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.