A- A+
Cronache
M5s Stadio Roma, De Vito resta in carcere. Respinta richiesta della difesa

Roma. Marcello De Vito, ex Presidente dell'Assemblea Capitolina in forza al M5s, resterà nel carcere di Regina Coeli dov'è stato condotto il 20 marzo scorso. Arrestato per corruzione nell'ambito del filone dell'inchiesta sullo stadio della Roma, il numero due dell'Amministrazione guidata da Virginia Raggi, si è visto rifiutare dal Tribunale del Riesame di Roma la richiesta di scarcerazione presentata dai suoi legali.

Mentre si apprende che le motivazioni saranno depositate fra 45 giorni, la stessa sorte è stata comminata all'avvocato Camillo Mezzacapo, il quale come De Vito resterà a Regina Coeli. Ai domiciliari permarranno invece l’architetto Fortunato Pititto, legato alla famiglia  d'imprenditori Statuto, e il concessionario Jaguar Gianluca Bardelli.

 

Tags:
m5sstadio della romamarcello de vito arrestatovirginia raggi
in evidenza
Carolina, la musa del calcio Regina della serie B in tv

Stramare, nuova Diletta

Carolina, la musa del calcio
Regina della serie B in tv

i più visti
in vetrina
Nexi Debit Premium: una nuova carta di debito esclusiva su rete Visa

Nexi Debit Premium: una nuova carta di debito esclusiva su rete Visa





casa, immobiliare
motori
Nuova Opel Astra, inizia una nuova era

Nuova Opel Astra, inizia una nuova era


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.