A- A+
Cronache
medium 110201 111702 192602 pmo125 italian policMessineo, il primo a sinistra

 

Francesco Messineo resta alla guida della Procura di Palermo. Il Csm, a larga maggioranza, ha infatti disposto l'archiviazione della pratica aperta nei confronti del magistrato, dicendo cosi' no al suo trasferimento per incompatibilita' ambientale.

Palazzo dei Marescialli, pero', 'bacchetta' il procuratore capo di Palermo, rilevando nella delibera approvata oggi in plenum, che non e' riuscito a "tenere unita la Procura, a fare squadra intorno a se'".

La delibera approvata oggi a maggioranza (sei voti contrari, provenienti dal gruppo di Area e dal togato indipendente Nello Nappi, mentre si sono astenuti il vicepresidente Michele Vietti e il presidente e il pg di Cassazione, Giorgio Santacroce e Gianfranco Ciani) prevede l'archiviazione della pratica con la contestuale trasmissione degli atti, pero', alla quinta commissione, competente sugli incarichi direttivi. L'intera vicenda, dunque, potrebbe avere un peso quando Messineo, terminato l'incarico a Palermo (dovrebbe scadere nel 2014) fara' domanda per un nuovo posto direttivo. Il Csm ha ritenuto che Messineo "non abbia perso la capacita' di esercitare con piena indipendenza e imparzialita' le funzioni di procuratore della Repubblica di Palermo", ma l'ufficio da lui guidato appare percorso "da forti contrasti, da reciproche diffidenze e dai sopite polemiche, che di certo ne affannano l'immagine, quando non rischiano di pregiudicarne l'operato".

Dopo sette anni di dirigenza dell'ufficio da parte di Messineo, la situazione nella procura siciliana, si legge nel documento approvato, "non puo' dirsi certo migliorata e sembra anzi attestare che il dottor Messineo non e' pienamente riuscito ad esserne elemento di coesione, a rappresentare quella efficace forza centripeta in grado di contrastare le spinte disgreganti, le differenze preconcette e le contrapposizioni personalistiche, che pregiudicano il rapporto tra il procuratore ed i suoi collaboratori e tra i collaboratori stessi, impedendo talvolta anche la necessaria circolazione delle notizie utili per un piu' efficace coordinamento delle indagini". Palazzo dei Marescialli, ad esempio, ricorda la "mancata cattura" del superlatitante Matteo Messina Denaro: nella preistruttoria condotta dalla prima commissione, in alcune audizioni era emersa una "carenza di coordinamento" che avrebbe avuto come conseguenza proprio la mancata cattura del boss. "Le spiegazioni e la documentazione offerte dal dottor Messineo - si legge nella delibera - inducono a ritenere che non vi fu alcun difetto di coordinamento con i suoi aggiunti, bensi' una scelta operativa del procuratore", decisione che "rientra pienamente nelle prerogative e nei doveri del procuratore capo" e che "puo' essere criticato e infatti lo fu e lo e' ancora, ma piu' che di patologico difetto di coordinamento - rileva il Csm - sembra corretto parlare di fisiologico difetto di consenso da parte di alcuni dei suoi procuratori aggiunti".

Tags:
messineocsm
in evidenza
Affari a maggio fa +10%. Distanziati Il Post, TPI, AGI e GQ

Comscore

Affari a maggio fa +10%. Distanziati Il Post, TPI, AGI e GQ

i più visti
in vetrina
Caldo record e rincari Condizionatori, come scegliere i migliori: i consigli per risparmiare

Caldo record e rincari
Condizionatori, come scegliere i migliori: i consigli per risparmiare





casa, immobiliare
motori
Citroen svela la nuova C4 X e nuova e-C4 X 100% elettrica

Citroen svela la nuova C4 X e nuova e-C4 X 100% elettrica


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.