A- A+
Cronache
Migranti, gli scafisti diventano pirati sulla rotta di Lampedusa: 4 arresti

Da scafisti a pirati. Rapinavano i barchini in arrivo sulla rotta per Lampedusa

L'inchiesta di Agrigento su un nuovo traffico: sui pescherecci tunisini bande di predatori che con minacce costringevano i disperati a dare denaro e cellulari. Ne parla oggi il Giornale, dopo che l'Ansa ha dato la notizia di un comandante di un peschereccio tunisino e tre membri dell'equipaggio fermati nei giorni scorsi per pirateria marittima, reato che prevede pene fino a 20 anni di reclusione, previsto dalla Convenzione delle Nazioni Unite sul diritto del mare di Montego Bay e dal codice della navigazione italiano.

I fermi, già convalidati dal gip del tribunale di Agrigento che ha disposto la misura della custodia cautelare in carcere, sono stati fatti dalla squadra mobile di Agrigento, dalla sezione operativa navale della guardia di finanza di Lampedusa e dai militari della Guardia costiera di Lampedusa, coordinati dal procuratore reggente Salvatore Vella.   

Le indagini hanno permesso di accertare che i pescatori tunisini si sono riciclati, dedicandosi alla più lucrosa attività di pirati, depredando i numerosi barchini in ferro che continuano a partire dalle coste di Sfax, in Tunisia, con a bordo, per la maggior parte, migranti sud-sahariani e asiatici.   

Furti che mettono gravemente a rischio la vita dei migranti, che tentano di attraversare il Canale di Sicilia. La Procura di Agrigento ha già avviato un tavolo tecnico di approfondimento del fenomeno della pirateria nel Mediterraneo centrale con il comando generale delle Capitanerie di porto, con il comparto aeronavale della Guardia di Finanza e col mondo dell'accademia universitaria. Le informazioni acquisite nell'ambito di questa inchiesta sono state, infatti, condivise con i Paesi esteri interessati tramite i canali Interpol. 

Iscriviti alla newsletter
Tags:
lampedusamigrantipirati
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Luigi Berlusconi scommette su Algojob: investito oltre un milione di euro

Con lui anche Ermotti, figlio dell'ad di Ubs

Luigi Berlusconi scommette su Algojob: investito oltre un milione di euro


in vetrina
Intelligenza artificiale e aziende italiane: le reali applicazioni

Intelligenza artificiale e aziende italiane: le reali applicazioni





motori
Addio alla Smart Fortwo: un’era di mobilità urbana si conclude

Addio alla Smart Fortwo: un’era di mobilità urbana si conclude

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.