A- A+
Cronache
Morto per un carcinoma polmonare. Condannato l'Ammiraglio Di Donna
Marina Militare

Agostino Di Donna riconosciuto responsabile della morte del meccanico navale Giovanni De Martino, deceduto per carcinoma polmonare

 

E' arrivata stanotte in Cassazione la condanna definitiva a due anni di reclusione dell'Ammiraglio Agostino Di Donna, riconosciuto responsabile della morte del meccanico navale Giovanni De Martino, deceduto per carcinoma polmonare dopo 36 anni di servizio sulle navi della Marina Militare “cariche di amianto”. Di Donna era stato dapprima Direttore Generale MARISPESAN, ovvero l’Ispettorato di Sanità' della Marina Militare dal 01.01.1983 al 31.12.1987, poi Direttore DIFESAN, la Direzione Generale della Sanità Militare dal 01.01.1988 al 31.12.1990. La sentenza è stata pronunciata dalla IV Sezione Penale della Cassazione che ha confermato appunto la condanna emessa dalla Corte d'Appello di Venezia, il 22 giugno 2022.

“Si tratta di un risultato importante - ha dichiarato Laura Mara, avvocata di parte civile per Medicina Democratica, AIEA e AFEA di Mario Barbieri - in quanto per la prima volta è stato riconosciuto in via definitiva il nesso causale fra l'esposizione alle polveri di amianto e l'insorgenza del carcinoma polmonare in soggetto fumatore: viene dunque riconosciuto finalmente l'effetto sinergico amianto-fumo per il cancro del polmone”.

Giovanni De Martino aveva lavorato sulle navi della Marina Militare come meccanico navale dal 4 settembre 1957 al 17 marzo 1993, svolgendo la mansione di addetto alle caldaie, guardia macchina e addetto alle motrici, espletando dunque alcune delle attività fra le più esponenti alle gravissime patologie causate dall'amianto. Aveva dunque svolto la sua attività professionale in luoghi in cui l'amianto era maggiormente presente e dove maggiormente si deteriorava a causa del calore e delle forti vibrazioni presenti sia nei locali caldaie che nelle motrici di poppa.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
ammiraglio agostino di donna
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Affari va in rete

MediaTech

Affari va in rete


in vetrina
Il Roma Pride compie 30 anni: Annalisa madrina e Elly Schlein al corteo. FOTO e VIDEO

Il Roma Pride compie 30 anni: Annalisa madrina e Elly Schlein al corteo. FOTO e VIDEO





motori
Luca De Meo CEO Renault Group, la visione dietro l'Alpine A290

Luca De Meo CEO Renault Group, la visione dietro l'Alpine A290

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.