A- A+
Cronache
Mario Negri, brevettate le nanopartic​elle che eliminano le placche dell'Alzhe​imer

Particelle che entrano nel cervello e rimuovono le placche della proteina, nota come beta-Amiloide, che si formano nella malattia di Alzheimer. Le hanno chiamate Amyposomes e sono state letteralmente costruite (ingegnerizzate, per la precisione) e brevettate dai ricercatori dell’Università di Milano-Bicocca. Per il momento sono state testate con successo nel modello animale, quindi non ci sono ancora applicazioni per l’uomo. La riduzione delle placche di beta-Amiloide è stata confermata dalla tomografia a emissione di positroni (PET, Positron emission tomography), una tecnica di bioimaging, alla quale sono stati sottoposti i topi trattati con le nanoparticelle. Lo studio, che è la parte conclusiva del progetto Europeo NAD (Nanoparticles for therapy and diagnosis of Alzheimer Disease), è stato pubblicato su “The Journal of Neuroscience” (Multi-functional liposomes reduce brain beta-Amyloid burden and ameliorate memory impairment in Alzheimer’s disease mouse models, doi:10.1523/JNEUROSCI.0284-14.2014).

Il lavoro è frutto di una collaborazione tra l'Università di Milano-Bicocca e l’IRCCS Istituto di Ricerche Farmacologiche ‘Mario Negri’ di Milano a cui ha contribuito, per le analisi PET, anche l’Università di Turku, in Finlandia. "La terapia – spiega Massimo Masserini, ordinario di Biochimica dell’Università di Milano-Bicocca e coordinatore del progetto europeo NAD - è basata su una strategia, impossibile da realizzare con un farmaco convenzionale, che utilizza uno strumento nanotecnologico, cioè particelle di dimensioni di un miliardesimo di metro. Nella ricerca pubblicata su The Journal of Neuroscience il trattamento è riuscito a frenare la progressione della malattia, ma stiamo anche valutando, per ora sempre sul modello animale, la possibilità di prevenirne l’insorgenza, intervenendo quando le capacità cognitive e la memoria sono solo minimamente compromesse. Se in futuro questi risultati saranno verificati nell’uomo, il trattamento, abbinato ad una diagnosi precoce permetterebbe ai malati di Alzheimer di condurre una vita pressoché normale".

Tags:
nanoparticellealzheimer
in evidenza
Sharon Stone: "Ho perso nove figli per aborti spontanei"

Rivelazione choc

Sharon Stone: "Ho perso nove figli per aborti spontanei"

i più visti
in vetrina
Scatti d'Affari Intesa Sanpaolo, mostra conclusiva di ‘Restituzioni’ a Napoli

Scatti d'Affari
Intesa Sanpaolo, mostra conclusiva di ‘Restituzioni’ a Napoli





casa, immobiliare
motori
Alfa Romeo protagonista Goodwood Festival of Speed 2022

Alfa Romeo protagonista Goodwood Festival of Speed 2022


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.