A- A+
Cronache
Maurizio, morto per un cambio di turno. Gli ultimi 45 secondi prima dell'impatto: "Non c'è acqua, che cosa fate?"

"Cosa fate? Non c'è più acqua, siete a 70 metri..." "La macchina non prende, siamo in avaria". Ecco le conversazioni concitate con i rimorchiatori negli ultimi momenti prima del tragico impatto tra la nave e la torre del porto di Genova, che ha provocato sette morti. Indagati pilota e comandante, ancora due dispersi. ma poche speranze di ritrovarli vivi

Il dramma di Maurizio, il telegrafista morto per un cambio di turno. Quella notte non doveva lavorare

Si contano i morti, sono sette, si cercano ancora i due dispersi, ma si cerca anche - se non principalmente, ormai - di capire cosa sia realmente accaduto ieri a tarda ora nel porto di Genova, il perche' di una strage quando la nave portacontainer Jolly Nero della compagnia 'Ignazio Messina' ha urtato in manovra la torre di controllo a molo Giano e ne ha determinato il crollo. I cadaveri identificati sono quelli di Daniele Fratantonio, Davide Morella, Marco De Candussio e Giuseppe Tusa, tutti e quattro in forza alla Capitaneria, di Michele Robazza e Maurizio Potenza, entrambi piloti del porto, e Sergio Basso, dipendente della Rimorchiatori Riuniti. Alcune delle vittime erano nell'ascensore crollato assieme alla torretta (quasi 60 metri di cemento armato e ferro): al momento dell'urto era appena scattato il cambio di turno del personale. I due dispersi sono Francesco Cetrola e Giovanni Iacoviello, entrambi militari della Capitaneria di porto. Le ricerche dei due proseguiranno anche durante la notte, impegnando oltre ai sub dei vigili del fuoco anche i sommozzatori dei carabinieri, della Capitaneria di porto e gli incursori del Consubin che si alternano nelle operazioni in acqua. "Ipotizziamo che i due dispersi si trovino sott'acqua - ha spiegato Gian Carlo Moreschi, capo del Nucleo Sommozzatori dei vigili del fuoco di Genova - dove stiamo concentrando le ricerche che, pero', proseguono anche a terra con le unita' cinofile. Il problema principale e' costituito dal fatto di non avere certezze sulla loro localizzazione. Determinano difficolta' anche gli arredi che si trovavano all'interno della torre e che e' necessario spostare manualmente per procedere nelle ricerche".

Tags:
navegenovatorre dei pilotimorti
in evidenza
Il trauma di Romina Carrisi "Ho lavorato negli strip club"

Dolorosa esperienza negli USA

Il trauma di Romina Carrisi
"Ho lavorato negli strip club"

i più visti
in vetrina
Meteo agosto: fresco al Nord, Africa al Sud. E a Ferragosto colpo di scena

Meteo agosto: fresco al Nord, Africa al Sud. E a Ferragosto colpo di scena





casa, immobiliare
motori
Taigo: il primo SUV coupé di Volkswagen

Taigo: il primo SUV coupé di Volkswagen


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.