A- A+
Cronache

La gendarmeria argentina, ha arrestato Pantaleone Mancuso, 53 anni, detto l'Ingegnere, latitante dal 2 aprile scorso poiche' inseguito da un'ordinanza di custodia cautelare in carcere da parte del gip distrettuale di Catanzaro, Assunta Maiore, in quanto accusato in un'inchiesta della Dda di Catanzaro del duplice tentato omicidio della zia Romana Mancuso e del figlio Giovanni Rizzo avvenuto il 26 maggio 2008.

Pantaleone Mancuso e' stato fermato dalla polizia argentina al confine con il Brasile ed e' stato riconosciuto grazie all'azione dell'interpool sudamericana mentre cercava di entrare nel paese a bordo di un bus turistico con un documento argentino falso. Pantaleone Mancuso e' fratello dei piu' noti boss Giuseppe (sta scontando l'ergastolo), Diego (condanna definitiva a 16 anni di reclusione) e Francesco, alias "Tabacco", (condannato in via definitiva per associazione mafiosa).

Insieme a Pantaleone Mancuso, alias "l'Ingegnere", e' accusato del tentato omicidio di Romana Mancuso e Giovanni Rizzo, anche il figlio del boss, Giuseppe Mancuso, attualmente detenuto a Vogheta. Pantaleone Mancuso e' stato bloccato con documenti falsi. Ad accusare Pantaleone Mancuso, la testimone di giustizia Ewelina Pytlarz, ex moglie di Domenico Mancuso, cugino di Pantaleone Mancuso.

Tags:
ndranghetapantaleoneargentina
in evidenza
Blasi, fuga romantica in Trentino È giallo sull'accompagnatore

Ilary in vacanza sui monti- FOTO

Blasi, fuga romantica in Trentino
È giallo sull'accompagnatore


in vetrina
Automotive ALD2Life continua a crescere: nel 2022 quattromila nuovi contratti

Automotive
ALD2Life continua a crescere: nel 2022 quattromila nuovi contratti





casa, immobiliare
motori
Nave Destriero: da 30 anni un record imbattuto

Nave Destriero: da 30 anni un record imbattuto


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.