A- A+
Cronache
'Ndrangheta, ricondotto in Italia il latitante Antonio Strangio
Antimafia

'Ndrangheta, è stato ricondotto in Italia il latitante Antonio Strangio

È stato riportato oggi in Italia dalla polizia indonesiana Antonio Strangio, il latitante di 'Ndrangheta fermato a Bali il 2 febbraio. Viveva in Australia dal 2016, lo ha incastrato "la voglia di farsi una vacanza al mare e la tranquillità di passare inosservato tra i tanti turisti", come si legge nel rapporto della polizia. Si tratta del 43esimo criminale catturato nel mondo in meno di 3 anni, grazie al progetto I CAN (Interpol Cooperation Against 'Ndrangheta), in collaborazione tra il Dipartimento della Pubblica sicurezza italiana e l'Interpool. 

L'ideatore del progetto I CAN, il prefetto Rizzi: "Li cattureremo tutti"

"Li cattureremo tutti, è solo questione di tempo. Stiamo lavorando da tre anni con le forze di polizia di tredici Paesi del mondo che prima non ne conoscevano la pericolosità", ha detto il prefetto Vittorio Rizzi, direttore centrale della polizia criminale e ideatore del progetto I CAN.

"Il compito delle forze di polizia non si esaurisce però con la cattura dei criminali, dobbiamo togliere ossigeno alle mafie colpendo i patrimoni illeciti che hanno accumulato in tutto il mondo e restituendoli alle comunità. Stiamo lavorando con tutti gli strumenti, sia penali che amministrativi, in Italia e nel mondo, per prevenire e contrastare l'infiltrazione della criminalità organizzata nel tessuto economico. È una sfida che non possiamo perdere perché è in gioco la nostra rinascita, anche attraverso i fondi del Pnrr", ha dichiarato Rizzi. 

L'approccio amministrativo per il contrasto al crimine organizzato è la priorità della presidenza svedese in Ue

Se le organizzazioni criminali sono diventate vere e proprie multinazionali che operano sui mercati, aggirando gli ostacoli volti a garantire la libera concorrenza, infiltrandosi nel tessuto economico attraverso la speculazione finanziaria e la corruzione degli apparati governativi, sottolinea la Polizia, "è necessario allora allineare gli ordinamenti perché le fragilità di un sistema possono rappresentare una minaccia per tutti, con un effetto domino che il virus ci ha tristemente insegnato".

L'Italian initiative presentata dalla Direzione centrale della polizia criminale alla European network on the administrative approach (Enaa) serve proprio a favorire uno scambio di informazioni tra i Paesi europei in via amministrativa che è la strada più veloce per restituire alla società le risorse accumulate dalla criminalità organizzata. Iniziativa che è stata subito accolta dalla presidenza di turno svedese del Consiglio dell'Unione europea, considerando l'approccio amministrativo per il contrasto al crimine organizzato la priorità del proprio mandato.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
antonio strangiolatitante'ndrangheta
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Affari in Rete

Politica

Affari in Rete


in vetrina
Sorpresa a Sky: Federica Masolin lascia la Formula 1

Sorpresa a Sky: Federica Masolin lascia la Formula 1





motori
Stellantis rinnova l'Impegno per la mobilità sostenibile a Torino

Stellantis rinnova l'Impegno per la mobilità sostenibile a Torino

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.