A- A+
Cronache
Italia al gelo. La neve imbianca il Centro-Sud

Il grande freddo continua a imperversare sull'Italia e la neve ha imbiancato anche le regioni del Sud oltre a quelle adriatiche. Da Napoli a Messina, passando per Bari, un fitto nevischio ha ricoperto alberi, auto e tetti: uno spettacolo del tutto inusuale per i comuni costieri.

Campania. Il capoluogo campano si è svegliato con la neve. Le temperature, nel corso della notte, hanno raggiunto i -3 gradi e anche per la giornata di oggi saranno molto rigide. Il gelido vento di "burian" ha lasciato il posto a un freddo secco e pungente che sta rendendo particolarmente suggestivo l'ultimo giorno del 2014 (foto). Ma il gelo ha creato anche forti disagi: le tubature si sono ghiacciate e alcuni quartieri della città sono rimasti senz'acqua. Certamente "polari" le temperature che si registreranno questa sera quando, in piazza Plebiscito, è previsto il concerto di Gigi D'Alessio in diretta televisiva e radiofonica e, poi, sul lungomare sono in programma 50 minuti di fuochi d'artificio.

Abruzzo e Molise. Bufere di neve e vento stanno mettendo da ieri in ginocchio la Valle Peligna; a Sulmona, in particolare, molti gli sradicamenti di alberi in diversi punti della città. Tre grossi pini sono crollati travolgendo auto in sosta e pali dell'Enel.  Tanta neve su tutto Molise, anche sul livello del mare. Termoli e molti comuni si sono svegliati con il paesaggio imbiancato e con il mare mosso che, per il terzo giorno consecutivo, ha impedito i collegamenti con le isole Tremiti. A Campobasso si misurano trenta centimetri di neve che rendono difficile gli spostamenti. Il prefetto del capoluogo Francesco Di Menna ha vietato la circolazione, in tutte le strade della provincia, dei mezzi superiori a sette tonnellate e mezzo. Critica la situazione nell'entroterra della provincia di Isernia. Capracotta, raggiungibile solo dalla provinciale di Castel del Giudice, è sommersa da circa due metri di manto bianco.

Puglia. E' nevicato la notte scorsa in diverse zone della Puglia, non solo sui rilievi ma anche nelle località costiere e, fatto del tutto eccezionale, a Bari, Brindisi e Taranto. Nel capoluogo pugliese, dove alcuni centimetri di neve si sono posati nella notte, si sono verificati disagi alla circolazione in particolare nei sottopassaggi e sui cavalcavia. Le nevicate più forti sono state sulla Murgia barese e nella provincia di Foggia sul subappennino Dauno dove sono caduti oltre 40 centimetri di neve.

Calabria. Anche Reggio Calabria è stata ricoperta da una spolverata di neve, secca e farinosa come in alta montagna. Nella zona collinare di Gallina ci sono stati persino accumuli al suolo con un sottile velo bianco che ha imbiancato tutto. Reggio potrebbe scendere sotto lo zero termico, battendo il proprio record storico assoluto di freddo, e la neve potrebbe accumularsi al suolo anche in centro, su corso, lungomare e su tutte le spiagge cittadine.

Sicilia. Come annunciavano le previsioni, diverse zone della Sicilia si sono svegliate sotto una coltre di neve. A Palermo e in provincia (foto) è caduta a quote molto basse.  Soltanto il 30 novembre scorso, un mese fa, si registrarono ben 31°C a Palermo, città che oggi vede la neve.

Neve anche sulle spiagge delle Eolie. A Marina Lunga il litorale è imbiancato come le cime dello Stromboli e di Vulcano. I collegamenti con le isole sono interrotti per il vento che soffia da nord-nord-est. Aliscafi e traghetti bloccati nei porti. Panarea è isolata da tre giorni e l'unico mezzo che ha garantito qualche corsa tra le isole e Milazzo è stato l'elicottero dell'Air Panarea.
 
Anche Messina si è risvegliata con la neve. Era dal 1999 che non nevicava così nella città dello Stretto. Euforia soprattutto tra i più piccoli che sono usciti in strada a giocare. Tra questa sera e giovedì mattina, arriverà un ciclone dal mar Ionio con venti impetuosi nelle zone Ioniche, forti mareggiate e piogge torrenziali.
 
E uno spettacolo decisamente inconsueto ha svegliato anche gli abitanti di Siracusa che stamane hanno trovato la città completamente imbiancata per una nevicata di un'intensità tale della quale non si ha memoria negli anni più recenti. I primi consistenti fiocchi sono caduti su tutta la provincia già nelle prime ore del mattino, facendosi via via più insistenti man mano che si è andata accumulando e ponendo inevitabili problemi e disagi soprattutto alla viabilità. Le criticità più diffuse, oltre che nelle zone collinari e montane della provincia (dove anche negli anni scorsi la neve ha fatto capolino ma in maniera decisamente meno persistente) sono state registrate nella zona di Augusta.

Lazio. Intensa nevicata a Rieti dalla scorsa notte. Il capoluogo sabino è completamente imbiancato. I mezzi spargisale del Comune e della Protezione civile sono in azione dalle prime ore di questa mattina lungo tutta la rete viaria comunale. Il Comune fa sapere che al momento il modesto accumulo di neve lungo le strade non richiede l'intervento di mezzi spazzaneve, ma la situazione resta comunque sotto stretta osservazione.

Critica la situazione nel frusinate, nella zona di Sora, dove una decina di paesi sono rimasti isolati. I sindaci lamentano l'assenza della Protezione Civile mentre le associazioni di volontariato hanno i mezzi fermi per mancanza di carburante e manutenzione. Ma l'Agenzia regionale di Protezione civile assicura che, dall'inizio della nevicata e, fino a questo momento, non è stato segnalato alcun paese del frusinate rimasto isolato.

Strade e autostrade. Complessivamente sono circa 800 i chilometri di rete di Autostrade per l'Italia interessati dalle neve lungo i quali sono operativi oltre 300 mezzi operativi spargisale e sgombraneve ma "non si registrano turbative alla circolazione". Da ieri sera le precipitazioni insistono, con forte intensità, soprattutto sul tratto pugliese della A14 e sulla A16 tra Napoli e Candela. Nevica inoltre con moderata intensità su A1 Bologna-Firenze, Valdarno-Arezzo, e Ferentino-Napoli; A14 Bologna-Valle del Rubicone e Grottammare-Foggia; A13 Bologna-Padova; A16 Candela-Canosa; A23 Carnia-Tarvisio. Riaperta al traffico la strada statale 77 "della Val di Chienti" dopo la chiusura provvisoria causata da una bufera di neve tra Colfiorito e Muccia.
 
L'Anas comunica che, a causa di una bufera di neve, in Sicilia sulla strada statale 640 "di Porto Empedocle" il traffico è provvisoriamente bloccato, in entrambe le direzioni, nel tratto compreso tra il km 16 e il km 30, tra le località di Favara nord e Racalmuto est, in provincia di Agrigento. Inoltre, il traffico è provvisoriamente bloccato in entrambe le direzioni sulla strada statale 185 "di Sella Mandrazzi" dal km 0 al km 36, tra le località di Salicà e Borgo Schisina, in provincia di Messina, dove sono in azione i mezzi spazzaneve. Sempre in Sicilia, è stata ripristinata la circolazione sulla carreggiata in direzione Catania dell'autostrada A19 "Palermo-Catania". In precedenza, a causa delle intense nevicate, per il traffico in direzione Catania era stata istituita l'uscita obbligatoria allo svincolo di Buonfornello (km 39,1). Disagi anche sulla statale 121 nella zona del bivio Manganaro a Lercara Friddi. Transito bloccato anche sulla statale Palermo-Sciacca tra Giacalone e la zona di Piana degli Albanesi.

Disagi per la neve anche in Puglia, dove in mattinata il traffico è rimasto provvisoriamente bloccato sulla strada statale 16 "Adriatica" a causa di un mezzo pesante intraversato all'altezza del km 832, nel tratto compreso tra Polignano a Mare e Monopoli (Bari), in direzione sud. Attualmente il traffico è sbloccato ma permangono rallentamenti per la neve e sono all'opera i mezzi dell'Anas. Situazione critica per tir di traverso anche sulla Altamura-Toritto. Infine, automobilisti sono rimasti bloccati sulla 172 dei Trulli in agro di Alberobello e Putignano. Sulla A14 si transita solo con pneumatici da neve o catene ed è in atto da ieri il filtraggio delle auto ai caselli da parte della polizia stradale.

Infine nelle Marche, la strada statale 77 "della Val di Chieti" è stata riaperta al traffico in entrambe le direzioni dal km 28 al km 29,800, nel tratto compreso tra Colfiorito (Perugia) e la località Castello nel comune di Serravalle di Chienti (Macerata). Il tratto stradale era stato chiuso in mattinata a causa di una bufera di neve. Uomini e mezzi dell'Anas sono al lavoro incessantemente per fronteggiare l'emergenza maltempo e per garantire la sicurezza della circolazione.

Anche il Vallo di Diano è avvolto in una morsa di gelo: in tutti i comuni del vasto comprensorio a Sud di Salerno si registrano temperature polari con la colonnina di mercurio sotto lo zero. Difficoltà nella circolazione veicolare si registrano su diverse arterie, soprattutto quelle interpoderali, con la presenza di pericolose lastre di ghiaccio. Le forze dell'ordine consigliano di mettersi in viaggio soltanto in caso di necessità. Il ghiaccio e la neve stanno creando disagi principalmente nei centri montani di Caggiano, Sanza e Montesano sulla Marcellana. A Buonabitacolo, sempre per la formazione di ghiaccio sul manto stradale, è stato vietato il transito veicolare nelle strade Brandileone, San Gaetano e Parco Generale Carlo Alberto Dalla Chiesa. A Teggiano, a seguito di un'apposita ordinanza sindacale, è fatto obbligo per gli automobilisti di dotarsi di catene in caso di neve e ghiaccio.
 
Riaperto l'aeroporto di Bari.  Nel primo pomeriggio è stato riaperto l'aeroporto di Bari, chiuso questa mattina a causa della scarsa visibilità e del persistere delle precipitazioni nevose. Lo comunica una nota del Comune in cui si specifica che "le strade di accesso allo scalo barese sono tutte percorribili, a eccezione dello svincolo per l'aeroporto sulla tangenziale 16, sul quale sta intervenendo un mezzo di amiu per procedere allo spargimento di sale". Il traffico aereo riprenderà con regolarità garantendo massima assistenza ai passeggeri.

Treni e disagi. Rfi, Rete ferroviaria italiana ha spiegato in un comunicato di aver attivato i piani antineve in quattro regioni: Sicilia, Campania, Puglia e Calabria. Sospesa, inoltre, la circolazione ferroviaria sulla linea Avezzano-Roccasecca, che collega il Frusinate con l'Abruzzo. Le condizioni della viabilità stradale non consentono, al momento, l'attivazione di autobus sostitutivi. Difficoltà anche su tutta la linea adriatica per il maltempo in Puglia. I treni in partenza da Pescara, provenienti dal nodo di Bari, stanno subendo forti ritardi, come testimonia questa foto scattata alla stazione della città abruzzese:

In Sicilia la circolazione è sospesa sulle linee Palermo-Roccapalumba-Agrigento e Roccapalumba-Caltanissetta a causa delle abbondanti nevicate, mentre si registrano ritardi sulla linea Messina-Catania. In Campania la linea
interessata da precipitazioni nevose è la Mercato San Severino-Salerno. Criticità nella circolazione si sono registrate sulla linea a monte del Vesuvio, con ritardi fino a due ore.

Allarme per i consumi di gas. E con il picco di freddo arriva anche il picco di consumi di gas, tanto che il ministero dello Sviluppo economico ha dichiarato lo stato di allarme, il secondo livello di gravità sulla scala di tre prevista dal piano emergenza gas.

Tags:
neve
in evidenza
Casaleggio-Sabatini, che coppia Mano nella mano in dolce attesa

Paparazzati in un hotel di lusso

Casaleggio-Sabatini, che coppia
Mano nella mano in dolce attesa

i più visti
in vetrina
Estate 2021, le bellezze made in Italy scelgono il Belpaese. FOTO

Estate 2021, le bellezze made in Italy scelgono il Belpaese. FOTO





casa, immobiliare
motori
Mercedes: il futuro è completamente elettrico

Mercedes: il futuro è completamente elettrico


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.