A- A+
Cronache
Trieste, No Green Pass: "Proteste a oltranza". Puzzer si dimette da portavoce
Stefano Puzzer

Trieste, No Green Pass: "Protesta a oltranza"

"La situazione sta precipitando. Non pensavamo che sarebbe potuta accadere una cosa del genere. Tutti i protocolli internazionali dicono che non si attacca la folla su un ponte, loro invece ci hanno attaccato con gli idranti. E' stato un atto di violenza gratuito e illegittimo.

La protesta andrà avanti ad oltranza finchè non verranno abolite queste misure dittatoriali",così Marcello Di Finizio, membro del coordinamento di Trieste No green pass, ai microfoni della trasmissione "Cosa succede in città" condotta da Emanuela Valente su Radio Cusano Campus.

Dopo alcuni minuti concitati, caratterizzati da insulti alla polizia, al presidente del Consiglio, Mario Draghi, e dal coro "la gente come noi non molla mai", il dimissionario portavoce del Coordinamento lavoratori portuali di Trieste, Stefano Puzzer, sta invitando i manifestanti no green pass di Trieste a restare seduti in piazza Unità. "Fatemi un piacere, restate seduti".

Il porto di Trieste torna alla normalità

 Il Porto di Trieste torna lentamente alla normalita'. I manifestanti, non meno di 2000, sono ora concentrati davanti alla sede della Regione Fvg in Piazza Unita' d'Italia in una protesta, che fonti della Prefettura definiscono "pacifica".

"Non ho contezza di lavoratori del porto che partecipano alla manifestazione no vax attualmente in corso - spiega Antonio Pittelli, segretario della Fit Cisl del Friuli Venezia Giulia. - La stragrande maggioranza dei portuali sono attualmente operativi e le attivita' del porto stanno tornando lentamente alla normalita'. D'altra parte era evidente fin dal principio che questa operazione avesse poco a che vedere con gli interessi dei lavoratori e molto invece con tematiche novax no geenpass".

Sembra per ora raffreddarsi la tensione attorno ad un area, quella del varco 4 del molto settimo del porto di Trieste, che questa mattina, tra le 9 e le 11, ha visto le forze dell'ordine procede allo sgombero dei manifestanti con l'uso di idranti e lacrimogeni, ma senza, rivendicano fondi della Prefettura di Trieste, "l'uso di cariche manganelli e sfollagente". 

No Green Pass - Porto di Trieste, Stefano Puzzer si dimette da portavoce

"Ho rassegnato le dimissioni dal Clpt Trieste poiché è giusto che io mi assuma le mie responsabilità. Una di queste è la decisione di proseguire il presidio fino al 20 di ottobre".

Così Stefano Puzzer annuncia il suo passo indietro dal Coordinamento lavoratori Portuali Trieste, dopo le polemiche per il presidio prima revocato poi riattivato nel giro di pochi minuti.

"La decisione - spiega - è soltanto mia, non è stata forzata da nessuno anzi non volevano accettarle ma io l'ho preteso". 

"So che non volevate questo, ma è giusto così", ha aggiunto, commentato la vicenda sui social.

No Green pass, iniziato lo sgombero al porto di Trieste

No Green Pass, portuali Trieste: "Avanti a oltranza, stop ai ricatti"

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    dimissionino green passportavoceporto di triestestefano puzzer
    in evidenza
    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    Corporate - Il giornale delle imprese

    La startup EdilGo guida la ripresa edile in Italia

    i più visti
    in vetrina
    Luce e Gas, passaggio al Mercato Libero. Abbassalebollette fa chiarezza

    Luce e Gas, passaggio al Mercato Libero. Abbassalebollette fa chiarezza





    casa, immobiliare
    motori
    Mercedes, approvato piano al 2026 con investimenti da 60 MLD

    Mercedes, approvato piano al 2026 con investimenti da 60 MLD


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.