A- A+
Cronache
Nuova allerta meteo al Nord. Genova travolta dal fango. Il video
 

"La vasta depressione atlantica che sta interessando la nostra penisola continua a determinare una serie di veloci impulsi perturbati che domani interesseranno le regioni centro-meridionali specie del versante tirrenico". Ad annunciarlo e' il dipartimento della protezione civile che, sulla base delle previsioni disponibili, ha emesso un ulteriore avviso di condizioni meteo avverse, che integra ed estende quello diffuso ieri. In particolare, il nuovo avviso prevede dalla serata di oggi "precipitazioni a prevalente carattere di rovescio o temporale su Campania, in estensione alla Basilicata e alla Calabria settentrionale, specie sui settori tirrenici". 

Dalla mattina di domani si prevede inoltre "il persistere di precipitazioni, a prevalente carattere di rovescio o temporale, su Umbria e Lazio. I fenomeni saranno caratterizzati da rovesci di forte intensita', frequente attivita' elettrica e forti raffiche di vento". 

Sulla base dei fenomeni gia' in atto e di quelli previsti, e' stata valutata per domani "criticita' rossa" per rischio idraulico sulla pianura padana, dai settori lombardi a quelli emiliani e veneti, mentre e' in "criticita' rossa" per rischio idrogeologico il settore nord-ovest della Lombardia. Valutata una "criticita' arancione" per rischio idraulico sui bacini dell'Alto Brenta-Bacchiglione-Alpone. In "criticita' arancione" per rischio idrogeologico sono il Lazio, il versante tirrenico della Campania, l'Umbria, il Friuli Venezia Giulia, buona parte della Basilicata, il nord-est della Lombardia e la Sardegna nord-orientale. Sono in "criticita' gialla" per rischio idraulico le restanti zone del Veneto Molise occidentale, in "criticita' gialla" per rischio idrogeologico la Toscana, i restanti settori della Lombardia, dell'Emilia Romagna, del Molise, della Campania, della Basilicata e della Sardegna, il bacino dell'alto Piave, l'Appennino marchigiano settentrionale e meridionale, buona parte del Piemonte, alcuni settori abruzzesi, il settore tirrenico della Calabria settentrionale e la Sicilia nord-occidentale.

LA POLEMICA RENZI/REGIONI - Nessuna voglia di fare polemica sul dissesto idrogeologico. Stando a quanto riferiscono fonti di Palazzo Chigi. Il presidente del consiglio Matteo Renzi ha voluto solo sottolineare una semplice verita': in alcune regioni e' stato gestito male il territorio costruendo troppo, costruendo male. Ora niente polemiche, e' il ragionamento, al lavoro, adesso. Poi si potranno cambiare le regole. "Non parlino di condoni a me: ho fatto piano strutturale a volumi zero. Ora mettiamo a posto i danni", sono le parole del premier che sottolinea l'importanza del lavoro dell'unita' di missione dei cantieri, la cui esistenza Renzi voluto con forza.

LIGURIA, "UN MILIARDO DI DANNI" - "Credo che siamo arrivati ad almeno un miliardo di euro di danni". Lo ha detto il presidente della Liguria Claudio Burlando in visita ai comuni del genovese devastati dall'alluvione di ieri. "Mettendo insieme le tre devastazioni dell'ultimo mese i danni a negozianti, aziende e alle opere pubbliche sono arrivati almeno a un miliardo". Circa 70 feretri dispersi dopo il crollo di un muraglione del cimitero della Biacca a Bolzaneto, nel ponente di Genova. Bare di zinco sono state individuate nel Polcevera ieri esondato. Il muro è crollato per circa 50 metri, tra le macerie spunta una cassetta ossario con un teschio. Il cimitero è chiuso e presidiato dai carabinieri.

FONDI NON SPESI E FONDI IN ARRIVO - "In Italia abbiamo ben 2,5 Mld di euro, già disponibili, in cassa, per la messa in sicurezza del territorio ma non li spendiamo, rischiamo di perderli. Questo è inquietante. I soldi ci sono ma è un problema di coordinamento ed anche di mentalità culturale". E' l’allarme lanciato solo qualche settimana fa da Gian Vito Graziano, presidente del Consiglio Nazionale dei Geologi. "Continua ad esserci, in Italia un problema di prevenzione di cui alcuni forse non ne conoscono il significato. Bisogna realizzare opere di messa in sicurezza tenendo conto del contesto per ottenere risultati compatibili con il territorio". E nel frattempo per l'Italia che frana sono in arrivo 7,6 miliardi dall'Europa. Soldi che arrivano dai tanti progetti inviati alla Commissione europea contro il dissesto idrogeologico, quasi 2 milioni. Se verranno accettati, si potrà iniziare a lavorare dal 2015, sperando che vengano tutti utilizzati.

Tags:
maltemporenziburlandometeoalluvioneliguria
in evidenza
Il trauma di Romina Carrisi "Ho lavorato negli strip club"

Dolorosa esperienza negli USA

Il trauma di Romina Carrisi
"Ho lavorato negli strip club"

i più visti
in vetrina
Meteo agosto: fresco al Nord, Africa al Sud. E a Ferragosto colpo di scena

Meteo agosto: fresco al Nord, Africa al Sud. E a Ferragosto colpo di scena





casa, immobiliare
motori
Taigo: il primo SUV coupé di Volkswagen

Taigo: il primo SUV coupé di Volkswagen


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.