A- A+
Cronache
Omicidio Magherini, indagati 4 carabinieri

I quattro carabinieri che fermarono la notte tra il 2 e il 3 marzo a Firenze Riccardo Magherini, e che mori' dopo l'arresto, sono indagati per omicidio preterintenzionale. Secondo quanto si apprende, oltre ai militari sono stati iscritti nel registro degli indagati, per omicidio colposo, anche i 5 sanitari che prestarono soccorso.

La decisione del magistrato è scattata dopo aver ricevuto la denuncia dei familiari di Magherini. I militari sono indagati per omicidio preterintenzionale, i sanitari di omicidio colposo. I carabinieri negano di aver colpito Magherini mentre era a terra, ma alcune testimonianze li smentiscono. L'avvocato Francesco Maresca, il loro legale, dice che "l'intervento è stato fatto nell'interesse dello stesso Magherini e nell'interesse dei cittadini seguendo le regole e la procedura prevista dalla legge, come sempre fanno i carabinieri" .

 

Tags:
magherinicarabinieri
in evidenza
Automotive, da ALD la svolta Arrivano nuove soluzioni green

Tra mobilità e sostenibilità

Automotive, da ALD la svolta
Arrivano nuove soluzioni green


in vetrina
Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica

Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica





motori
Citroen lancia OLI [all-ë]:più di una concept car

Citroen lancia OLI [all-ë]:più di una concept car

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.