A- A+
Cronache
Palermo, favoreggiamento dell’immigrazione clandestina: 18 arresti

Migranti, traffico di uomini dall'Africa: scatta fermo per 18

La polizia di Stato ha eseguito un provvedimento di fermo a carico di 18 stranieri accusati di appartenere a una associazione a delinquere transnazionale finalizzata al favoreggiamento dell'immigrazione clandestina all'esercizio di attività abusiva di prestazione di servizi di pagamento. Quattro indagati sono ancora latitanti presumibilmente all'estero. Sequestrate ingenti somme di denaro nel corso delle numerose perquisizioni in corso in tutta Italia.

Il fermo, nell'ambito dell'operazione denominata "Glauco 4", è stato emesso dalla Direzione distrettuale antimafia di Palermo, guidata dal procuratore Francesco Lo Voi, in seguito alle indagini della Squadra mobile di Palermo e del Servizio centrale operativo della polizia di Stato. Attraverso le indagini - coordinate dal procuratore aggiunto Marzia Sabella e dai sostituti Calogero Ferrara, Giorgia Righi e Claudio Camilleri - è stato individuato un gruppo criminale, con cellule attive in Africa, in diverse aree del territorio italiano e in paesi europei ed extraeuropei, che ha operato su due fronti diversi, ma strettamente interconnessi fra loro, fin dal 2017.

Tra i reati contestati il favoreggiamento dell'immigrazione clandestina e l'esercizio abusivo di attività di intermediazione finanziaria tramite il cosiddetto metodo hawala, utilizzato principalmente per il pagamento dei viaggi dei migranti o per la liberazione dalle safe house in territorio libico. (AGI)
PA8/MRG

Migranti, traffico dall'Africa: basi tra Milano e Nordest

La rete di trafficanti e favoreggiatori aveva la base operativa a Milano e ramificazioni nel Nord Est dell'Italia, ad Udine e Pordenone, e a Roma. E' quanto emerge dall'indagine "Glauco 4", della Squadra mobile e dello Sco della polizia di Stato, coordinata dalla Direzione distrettuale di Palermo, che ha emesso il fermo nei confronti di 18 stranieri accusati di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina ed esercizio abusivo di attività di intermediazione finanziaria tramite il cosiddetto metodo hawala. Secondo i pm di Palermo, i capi e promotori dell'associazione sono due eritrei, rimasti latitanti e operanti tra l'Africa, i Paesi del Golfo Persico e altri Stati extraeuropei, principali collettori dei flussi monetari derivanti dai proventi del traffico di esseri umani; Solomon Tekliyes, capo della cellula di Udine; Mussie Ghirmay e Musie Andemickael, entrambi capi della cellula di Milano, ritenuta la base operativa dell'associazione criminale. Nel corso delle attività di indagine e delle perquisizioni sono stati sequestrati 30 mila euro in contati.

Migranti, anche gruppo 'caso Diciotti' riconducibile a fermati

Alla gang di trafficanti stranieri, sgominata dalla polizia di Stato di Palermo, con il fermo disposto per 18 persone, è riconducibile l'arrivo dei migranti giunti in Italia nell'ambito di almeno cinque salvataggi effettuati tra il 2017 e il 2018. Emerge dall'operazione "Glauco 4" coordinata dalla Dda di Palermo. Si tratta dei 1.422 sbarcati nel porto di Catania il 14 luglio 2017; 416 migranti giunti a bordo della nave ong 'Aquarius' al porto di Catania il 27 novembre 2017; 417 al Porto di Augusta il 16 dicembre 2017; 190 trasportati dalla nave 'Diciotti', della Marina Militare, a Lampedusa il 16 agosto 2018, dopo un lungo tira e molla con l'ex ministro dell'Interno, Matteo Salvini. 

Migranti, documenti falsi e nascondigli: rotte Nord Europa-Usa

Documenti falsi, nascondigli sicuri e copertura per raggiungere la destinazione finale, Nord Europa e in alcuni casi anche gli Usa (via Sud America): sono alcuni dei dettagli emersi dall'indagine "Glauco 4" della procura di Palermo che ha emesso il fermo nei confronti di 18 persone accusate (i provvedimenti eseguiti al momento sono 14) di favoreggiamento dell'immigrazione clandestina ed esercizio abusivo di attività di intermediazione finanziaria tramite il cosiddetto metodo hawala. Una rete vasta - con capi operanti in Africa e ancora latitanti - ed estesa tra Milano, Udine, Pordenone, Venezia e Roma. Fin dal 2017 - hanno appurato le indagini della Squadra mobile di Palermo e dello Sco della Polizia coordinati dalla Dda del capoluogo siciliano - l'organizzazione criminale ha supportato le attività di traffico sia nel corso del viaggio dei migranti sul continente africano sia nei campi di prigionia in Libia. Non solo: appena gli stessi sono finalmente giunti in Sicilia, a bordo delle navi impiegate in attività di soccorso in mare, gli indagati sono intervenuti consentendo ai migranti di allontanarsi dai centri di accoglienza, nascondendoli, fornendo vitto, alloggio, titoli di viaggio e falsi documenti e poi curandone la partenza verso il centro e nord Italia, da dove poi raggiungere il nord Europa e gli Usa. Il tutto a fronte dei pagamenti effettuati dai migranti o dai loro familiari ed amici, spesso residenti all'estero, mediante il sistema fiduciario hawala, che consente di trasferire denaro in maniera illecita) utilizzando una rete di intermediari (hawaladars) operanti in tutto il mondo. 

Migranti, torture in Libia e Sudan: "Scarsa cooperazione Paesi"

Altro aspetto rilevante emerso dall'operazione coordinata dalla Dda di Palermo, contro una banda di trafficanti di migranti, sono gli accertati numerosissimi contatti tra gli indagati stranieri e soggetti presenti nelle 'safe house' in Libia: dalle dichiarazioni dei migranti sono emerse le condizioni di vita ma soprattutto le violenze fisiche e psicologiche e le torture subite e inflitte dai trafficanti per ottenere dai congiunti il pagamento per la liberazione o per la prosecuzione dei viaggi. "Sono stati raccolti elementi indiziari, sia dalle dichiarazioni che dalle attività tecniche di intercettazione a carico di numerosi trafficanti di esseri umani, operanti in Libia e Sudan e gestori direttamente di alcune safe house, purtroppo - è il rammarico degli inquirenti - non compiutamente identificati nonostante le richieste di cooperazione internazionale in tal senso e su cui sono tuttora in corso le indagini per la identificazione".

Commenti
    Tags:
    favoreggiamento dell’immigrazione clandestinaimmigrazione clandestina
    Loading...
    Loading...
    i più visti
    

    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    Nuovo Renault Arkana, il SUV della Losanga arriva in Europa

    Nuovo Renault Arkana, il SUV della Losanga arriva in Europa


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.