A- A+
Cronache
Papa Francesco conclude la visita in Sud Sudan: "Deponiamo le armi dell'odio"
Papa Francesco in Sudan

Papa Francesco, conclusa la visita in Sud Sudan. in oltre 100mila alla messa a Giuba

Si conclude oggi, 5 febbraio, la visita di Papa Francesco in Sud Sudan, e insieme a questa il pellegrinaggio di pace e riconciliazione insieme all’arcivescovo di Canterbury Justin Welby e al Moderatore dell’Assemblea Generale della Chiesa di Scozia Ian Greenshields.

LEGGI ANCHE: Papa Francesco a Kinshasa: "Giù le mani dall'Africa"

L’ultimo appuntamento pubblico in terra sudanese è iniziato con la celebrazione eucaristica al Mausoleo "John Garang" di Giuba, dove sono accorsi – secondo la stima delle autorità – oltre 100 mila fedeli. "Deponiamo le armi dell'odio e della vendetta per imbracciare la preghiera e la carità; superiamo quelle antipatie e avversioni che sono diventate croniche e rischiano di contrapporre le tribù e le etnie; impariamo a mettere sulle ferite il sale del perdono, che brucia ma guarisce" è stata l'esortazione di Papa Francesco nell'omelia. E ha poi proseguito: “Siamo venuti qui e continueremo ad accompagnare i vostri passi, facendo tutto quello che possiamo perché siano passi verso la pace". Il Pontefice ha affidato a Maria, la Regina della Pace "la causa della pace in Sud Sudan e nell’intero Continente africano, dove tanti nostri fratelli e sorelle nella fede patiscono persecuzioni e pericoli, dove tantissima gente soffre a causa di conflitti, sfruttamento e povertà. Alla Madonna affidiamo anche la pace nel mondo, in particolare i numerosi Paesi che si trovano in guerra, come la martoriata Ucraina", ha concluso.

La preghiera dei fedeli è stata recitata in arabo, dinka, bari, nuer e zande. Papa Francesco, alla  presenza del presidente del Sud Sudan, dopo la recita dell’Angelus si è recato aeroporto dove si è svolta la cerimonia di congedo. Qui Francesco si è intrattenuto per alcuni minuti il capo dello Stato Salva Kiir Mayardit, per poi tornare a Roma, dove l’arrivo è previsto alle 17.15.

Papa francesco, il governo del Sud Sudan gli dedica una strada

Nel frattempo il governo sud sudanese ha intitolato a Papa Francesco, primo Pontefice nel Paese, una strada a Giuba,  che d'ora in poi si chiamerà "Pope Francis Road". La nuova strada, pavimentata, asfaltata e infine aperta al pubblico, rappresenta un dono al Pontefice dopo il pellegrinaggio ecumenico di pace. "Pope Francis Road" parte da piazza Kololo Junction fino alla sede della Nunziatura apostolica (Ambasciata vaticana), passando accanto all'ambasciata dell'Unione Europea e a quella degli Stati Uniti. “La presenza di Papa Francesco rimarrà per sempre nel Paese del Sud Sudan”, ha commentato l'ordinario locale della diocesi cattolica di Tombura-Yambio del Sud Sudan.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
francescomessaomeliapapasudanvisita
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Top 100 Informazione online: boom di Affaritaliani.it a gennaio (+33%)

La classifica comscore

Top 100 Informazione online: boom di Affaritaliani.it a gennaio (+33%)


in vetrina
Bimba morta di stenti/ Povera Pifferi in mano a tanti pifferai. L'intervento del direttore Perrino a "Ore 14"

Bimba morta di stenti/ Povera Pifferi in mano a tanti pifferai. L'intervento del direttore Perrino a "Ore 14"





motori
L’Economia Circolare di Stellantis in aumento del 18% nel 2023

L’Economia Circolare di Stellantis in aumento del 18% nel 2023

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.