A- A+
Cronache

A 50 anni esatti dal viaggio di Paolo VI, Papa Francesco ha annunciato oggi che sara' in Terra Santa alla fine di maggio. "Nel clima di gioia, tipico di questo tempo natalizio, desidero annunciare - ha detto dopo l'Angelus - che dal 24 al 26 maggio prossimo, a Dio piacendo, compiro' un pellegrinaggio in Terra Santa".

Francesco ha anche precisato che "le tappe saranno tre: Amman, Betlemme e Gerusalemme" e che "lo scopo principale e' commemorare lo storico incontro tra il Papa Paolo VI e il Patriarca Atenagora, che avvenne esattamente il 5 gennaio, come oggi, di 50 anni fa". "Presso il Santo Sepolcro - ha anticipato Francesco - celebreremo un Incontro Ecumenico con tutti i rappresentanti delle Chiese cristiane di Gerusalemme, insieme al Patriarca Bartolomeo di Costantinopoli. Fin da ora vi domando di pregare per questo pellegrinaggio".

Il viaggio del gennaio 1964 in Terra Santa, primo di un Papa dell'epoca moderna fuori d'Italia, e l'incontro a Gerusalemme con Atenagora, cui segui' l'abolizione reciproca delle scomuniche tra cattolici e ortodossi, rappresentarono per Paolo VI, che utilizzo' personalmente questa espressione, "come un colpo d'aratro, che ha smosso un terreno ormai indurito ed inerte", ha sottolineato in un editoriale il direttore dell'Osservatore Romano, Giovanni Maria Vian. "Ci siamo abbracciati una prima volta, poi una seconda e di nuovo e di nuovo. Come due fratelli che si ritrovano dopo una lunga separazione", commento' Atenagora. "Avete tutti compreso che il mio viaggio non e' stato soltanto un fatto singolare e spirituale: e' diventato un avvenimento che puo' avere una grande importanza a livello storico, il punto di partenza di nuovi, grandi avvenimenti, che possono essere altamente benefici per la Chiesa e l'Umanita'", disse Paolo VI alla prima udienza generale tenuta dopo il viaggio in Terra Santa del gennaio 1963. L'evento storico successivo a quell'abbraccio fu la rimozione delle scomuniche reciproche, il 7 dicembre 1965, simultaneamente a Roma e al Fanar. Si poneva fine a dieci secoli di separazione e di penosi dissapori tra cristiani. Da allora molti gesti nella stessa direzione sono stati compiuti dai successori dei protagonisti di allora ma, lamenta Papa Francesco che in maggio si rechera' a Gerusalemme con Bartolomeo I, odierno patriarca ecumenico, non si sono trasformati in ulteriori reali passi avanti verso l'unita' dei cristiani: le differenze teologiche emerse all'inizio del secondo millennio restano, in particolare sul ruolo del successore di Pietro. "A me spetta, come Vescovo di Roma, rimanere aperto ai suggerimenti orientati ad un esercizio del mio ministero che lo renda piu' fedele al significato che Gesu' Cristo intese dargli e alle necessita' attuali dell'evangelizzazione", ha pero' ammesso Francesco nell'Esortazione Apostolica "Evangelii gaudium", ricordando che "anche il papato e le strutture centrali della Chiesa universale hanno bisogno di ascoltare l'appello ad una conversione pastorale".

Tags:
papa francescovaticanoterra santa
in evidenza
Wanda Nara, perizoma e bikini Lady Icardi è la regina dell'estate

Foto mozzafiato della soubrette

Wanda Nara, perizoma e bikini
Lady Icardi è la regina dell'estate

i più visti
in vetrina
Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità





casa, immobiliare
motori
Mercedes-Benz protagonista al Salone del Camper di Düsseldorf 2021

Mercedes-Benz protagonista al Salone del Camper di Düsseldorf 2021


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.