A- A+
Cronache
Il Papa scomunica i mafiosi: "E' adorazione del male"

La 'ndrangheta è "adorazione del male e disprezzo del bene comune", è un "male" che "va combattuto, va allontanato", anche dalla Chiesa che "deve sempre di più spendersi perché il bene possa prevalere". Così papa Francesco nel corso della messa celebrata a Sibari, ultima tappa del suo viaggio nella diocesi a Cassano. E Bergoglio pronuncia a braccio anche la sentenza che tanti invocavano: gli uomini della 'ndrangheta, dice, "non sono in comunione con Dio, sono scomunicati.

Un'espressione che non era prevista nemmeno nell'integrazione del testo ufficiale, che era stata distribuita poco prima che il pontefice iniziasse a parlare e che già conteneva i passaggi più duri nei confronti dei mafiosi. Termini che, probabilmente, Francesco ha maturato nel corso della sua giornata calabrese.

"Mai più", aveva già affermato il Papa in mattinata. "Mai più atrocità sui bambini, mai più vittime di 'ndrangheta", aveva sussurrato incontrando nel carcere di Castrovillari le nonne di Cocò Campolongo, il bimbo di 3 anni ucciso e poi bruciato. Alle due donne Bergoglio ha detto parole di conforto: "Prego continuamente per lui, non disperate".

Tags:
papacalabriamafiosiscomunica
in evidenza
Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

verso un mondo più sostenibile

Consumi, come tagliare la bolletta rispettando l’ambiente

i più visti
in vetrina
Britney Spears, è guerra con il padre: "Rivoglio la mia vita"

Britney Spears, è guerra con il padre: "Rivoglio la mia vita"





casa, immobiliare
motori
Ferrari 296 GTB: la prima berlinetta ibrida plug-in

Ferrari 296 GTB: la prima berlinetta ibrida plug-in


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.