A- A+
Cronache
Pistorius, prima dell'omicidio sparò in un ristorante incolpando l'amico

Qualche settimana prima dell'omicidio di Reeva Steenkamp, Oscar Pistorius maneggio' male un'arma da cui parti' accidentalmente un colpo, e poi chiese a un amico compiacente di assumersene la colpa. E' quanto emerso dalle testimonianze raccolte nel terzo giorno del processo all'ex campione olimpico e paralimpico, a Pretoria.

A sorpresa l'accusa ha accantonato temporaneamente le riscostruzioni sull'omicidio della modella sudafricana per concentrare l'attenzione su un episodio avvenuto poche settimane prima, nel gennaio 2013. In un ristorante alla moda di Johannesburg, l'atleta paralimpico era a pranzo con un paio di amici quando uno di loro, Darren Fresco, passo' sotto il tavolo una pistola a Pistorius, avvertendolo che "c'era un colpo in canna". Ma quando l'arma arrivo' nelle mani di "Blade runner", inspiegabilmente parti' un colpo. "Ci fu un immediato silenzio", ha raccontato Kevin Lerena, pugile di professione, che era tra i commensali. "Guardai a terra e proprio li' dove puntai lo sguardo, dove c'era il mio piede, c'era un foro sul pavimento. Avevo una sbucciatura sul dito, ma non ero ferito". Pistorius chiese immediatamente scusa ai commensali accertandosi che non fossero feriti. Ma poi, voltatosi verso uno di loro, gli chiese di addossarsi la responsabilita' dell'accaduto. "Per favore, di' che sei stato tu. C'e' troppa attenzione dei media su di me", ha raccontato Lerena, riportando le parole di Pistorius. "E quando arrivarono i proprietari del ristorante, Darren disse che era stato lui".

Tags:
pistoriusreeva steenkampomicidioamico
in evidenza
Chiara Ferragni e tata Rosalba Incredibile stipendio per la nanny

Spettacoli

Chiara Ferragni e tata Rosalba
Incredibile stipendio per la nanny

i più visti
in vetrina
Meteo, agosto pazzo. Temporali e caldo africano. Ecco dove e quando

Meteo, agosto pazzo. Temporali e caldo africano. Ecco dove e quando





casa, immobiliare
motori
A luglio i motociclisti italiani in sella per 14mila ore e quasi 8mila km

A luglio i motociclisti italiani in sella per 14mila ore e quasi 8mila km


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.