A- A+
Cronache

 

 

mamma bambino

Era convinto che si trattasse di un bambolotto di pezza, così un agente ubriaco ha gettato per terra una neonata e l'ha quasi uccisa. E' successo a Linzhou, nella provincia dell’ Henan, in Cina.

 

LA DINAMICA - Il poliziotto, ubriaco e fuori servizio, ha afferrato la piccola dalle braccia dei genitori e l'ha scaraventata a terra dopo averla guardata attentamente: “è una bambola”, ha detto prima di compiere il folle gesto. Secondo la ricostruzione il poliziotto avrebbe fatto una scommessa con alcuni suoi amici convinto che la bambina fosse una bambola.

Così si è diretto verso la coppia che stava tranquillamente passeggiando per strada e ha sottratto la bambina dalle loro braccia per poi scaraventarla a terra. La bambina, Yeuyeue, è rimasta ferita ed è stata trasportata d’urgenza nel vicino ospedale di Pechino mentre il poliziotto è stato sospeso dal servizio per 15 giorni.

Tags:
cinapoliziottoneonato
in evidenza
Il trauma di Romina Carrisi "Ho lavorato negli strip club"

Dolorosa esperienza negli USA

Il trauma di Romina Carrisi
"Ho lavorato negli strip club"

i più visti
in vetrina
Meteo agosto: fresco al Nord, Africa al Sud. E a Ferragosto colpo di scena

Meteo agosto: fresco al Nord, Africa al Sud. E a Ferragosto colpo di scena





casa, immobiliare
motori
Taigo: il primo SUV coupé di Volkswagen

Taigo: il primo SUV coupé di Volkswagen


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.