A- A+
Cronache
Ponte Morandi, l'accusa della procura: "Sensori non messi dolosamente"

Ponte Morandi, la nuova accusa della procura 

Dalle carte dell'inchiesta relativa al crollo del viadotto di Genova del 14 agosto 2018 emerge una nuova accusa: i sensori che avrebbero dovuto monitorare il ponte Morandi non vennero sistemati "dolosamente", nonostante fossero stati tranciati nel 2015 durante alcuni lavori, e caldeggiati dal Cesi nel 2017. 

Quei sensori, secondo la ricostruzione dei finanzieri del primo gruppo coordinati dal colonnello Ivan Bixio, fa sapere Tgcom24, un anno prima della rottura avevano fornito i dati con cui era stato stilato nel 2014 il documento in cui venne scritto che il ponte Morandi era a "rischio crollo", unico viadotto in tutta Italia a riportare quella dicitura. Un documento che, secondo gli inquirenti, dimostrerebbe che la società era a conoscenza di tutto, e, nonostante ciò, non fece nulla. Una circostanza che, si legge su Tgcom24, porterebbe alla contestazione del dolo eventuale e non più a una contestazione colposa.

Ponte Morandi, il punto delle indagini

71 sono le persone indagate tra ex dirigenti di Autostrade e Spea, dirigenti del ministero delle Infrastrutture e tecnici, oltre alle due società. Le accuse principali spaziano dal disastro colposo, all'omicidio colposo plurimo, attentato alla sicurezza dei trasporti, crollo doloso, falso e omissione di atti di ufficio. 

Il primo febbraio, fa sapere Tgcom24, inizieranno le udienze per il secondo incidente probatorio. A fine dicembre 2020 i periti del giudice per le indagini preliminari Angela Nutini, si legge, hanno depositato la perizia. Per esperti e tenici il ponte presentava dei difetti di costruzione, sottolineando come la società era a conoscenza dei punti "no",  nonostante ciò non aveva svolto le manuntenzioni necessarie. Dopo la discussione della perizia, si legge, la procura chiuderà le indagini.

 

 

 

 

 

 

 

 

Commenti
    Tags:
    ponte morandi procura sensoriponte morandi procura sensori crolloponte morandi procura sensori genova
    Loading...
    Loading...
    in evidenza
    Vaccino? Ora sarà monodose Si chiama "Astra Senagal"

    Il Covid vissuto con ironia

    Vaccino? Ora sarà monodose
    Si chiama "Astra Senagal"

    i più visti
    in vetrina
    Mateo: neve, piogge e temporali terribili in tutta Italia

    Mateo: neve, piogge e temporali terribili in tutta Italia


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    8 Marzo: Alfa Romeo festeggia le sue donne pilota

    8 Marzo: Alfa Romeo festeggia le sue donne pilota


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.