A- A+
Cronache
Popolare Vicenza, Zonin accusa i manager e Bankitalia: "Nessuna contestazione"

Popolare Vicenza, Zonin accusa i manager e Bankitalia: "Nessuna contestazione"

Gianni Zonin, prende la parola al processo che lo vede imputato per i reati di aggiotaggio, ostacolo alla Vigilanza e falso in prospetto, in merito al fallimento della Popolare di Vicenza. Una deposizione spontanea - si legge sul Gazzettino - che l'ex presidente, 82 anni, fa dopo una settantina di udienze di un processo iniziato nel dicembre del 2018. Zonin consegna al tribunale di Vicenza la sua verità in un documento di 66 pagine dove ripercorre la storia degli ultimi vent'anni della banca e quindi della sua presidenza, conclusasi nel novembre 2015. "La fine della Popolare di Vicenza ha costituito, e costituisce, per me un trauma e un dolore con cui non ho ancora imparato a convivere", scrive alla fine Zonin, sicuro di non aver commesso niente di illecito.

"Non ho mai saputo delle operazioni baciate fino all'aprile del 2015 e mai ne ho sentito parlare dall'ex direttore generale Samuele Sorato e da altri fino a quel momento. E la Banca d'Italia mai mi ha fatto cenno di problemi: Popolare Vicenza fino al 2014 era solida e aveva passato tutti i controlli, è stata la nuova gestione dal luglio 2015 a portarla al tracollo. Voglio fare un cenno all'ispezione della Banca d'Italia del 2012 - scrive Zonin -. Dopo le deposizioni dei testimoni e soprattutto del dottor Marin, credo che sia incontestabile che il team degli ispettori di Banca d'Italia già nel 2012 avesse un quadro preciso e dettagliato del capitale finanziato nella BpVi. Ciò nonostante, al CdA e a me personalmente, non venne fatta mai alcuna comunicazione né formalmente né informalmente".

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    popolare vicenzagianni zoninprocessobankitalia
    in evidenza
    Hunziker-Trussardi: è finita “Dopo 10 anni ci separiamo”

    Spettacoli

    Hunziker-Trussardi: è finita
    “Dopo 10 anni ci separiamo”

    i più visti
    in vetrina
    Belen e Stefano insieme dopo la rottura con Antonino: è ufficiale

    Belen e Stefano insieme dopo la rottura con Antonino: è ufficiale





    casa, immobiliare
    motori
    Citroën AMI ha ispirato la creatività dello stilista italiano Massimo Alba

    Citroën AMI ha ispirato la creatività dello stilista italiano Massimo Alba


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.