A- A+
Cronache
Contraccezione, l'attacco a Obama finisce alla Corte Suprema

Tre aziende si rifiutano di coprire il rimborso di alcuni metodi contraccettivi in nome della religione. Un datore di lavoro può avvalersi delle sue convinzioni per vietare la contraccezione? La questione è stata discussa alla Corte Suprema degli Stati Uniti.

Sei mesi dopo la riforma sanitaria, voluta da Barack Obama continua a navigare in cattive acqae. L'ultimo dibattito è stato avviato da tre società private che si rifiutano di ottemperare ai nuovi obblighi per garantire l'assicurazione sanitaria che supporta i metodi contraccettivi. Invocando le loro credenze religiose, Hobby Lobby (una catena di negozi di arte), Conestoga (un produttore di armadi) e Mardel (libreria religiosa), rifiutano di coprire il rimborso di due pillole del giorno dopo e due tipi di IUD.

"Noi non pagheremo abortivo qualunque. Noi crediamo che la vita inizia al concepimento", ha dichiarato Steve Green, presidente di Hobby Lobby, sul suo sito web. Specifica anche di accettare altri metodi di contraccezione rimborsati nell'ambito della riforma sanitaria. Il caso è stato sostenuto dinanzi alla Corte Suprema degli Stati Uniti. E sui gradini del palazzo attiviste femministe e anti-aborto mostravano cartelli , a favore del presidente Obama. Un corrispondente di AFP a Washington ha segnalato la presenza di decine di manifestanti cantando slogan come : "Il controllo delle nascite non è il caso del mio capo" o " No padrone nella mia camera da letto". Di fronte a loro, un grande battaglione di attivisti anti-aborto, alcuni indossando un abito talare o il cofano Amish, ha dato voce a difendere "la fede e la famiglia"

Tags:
preservativoobamasuoresanità
Loading...

i più visti




casa, immobiliare
motori
Mercedes-Benz GLE 350 de 4MATIC: come ritrovare il gusto del viaggio

Mercedes-Benz GLE 350 de 4MATIC: come ritrovare il gusto del viaggio


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.