A- A+
Cronache

E' stato arrestato l'uomo che da alcune ore si trovava nella Questura di Napoli come sospettato di aver massacrato di botte e poi rinchiuso in un sacco dell'immondizia la ragazza albanese Toska Xhuli, 27 anni con una figlia di 4 anni, nella tarda serata di ieri in via Tribunali nel capoluogo campano. Si tratta di Emerson D'Esposito, 28 anni, di origine brasiliana, adottato da una famiglia di San Giorgio a Cremano.

 




L'uomo era il compagno della convivente della giovane albanese: i due avevano deciso di andare a vivere insieme, ma Toska avrebbe cambiato idea e lui, in preda alla rabbia, ha iniziato a picchiarla. Quindi è fuggito nascondendosi in una villa di proprietà dei nonni a San Salvatore Telesino, in provincia di Benevento, dove poi è stato rintracciato e fermato dalla polizia.

 

 

Tags:
ragazzanapolimassacrata
in evidenza
La rete non dimentica: le promesse (non mantenute) di Giggino in campagna elettorale

Il video che inchioda Di Maio

La rete non dimentica: le promesse (non mantenute) di Giggino in campagna elettorale


in vetrina
KoRo rafforza la propria presenza nel mercato europeo

KoRo rafforza la propria presenza nel mercato europeo





casa, immobiliare
motori
Paolo Poma CFO Lamborghini: “essere best in class entro il 2025"

Paolo Poma CFO Lamborghini: “essere best in class entro il 2025"


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.