A- A+
Cronache

Padre e figlio litigavano da tempo perché il ragazzo era un "fannullone", non aveva un lavoro e ciondolava per casa. Così un 72enne ha ucciso suo figlio, colpendolo con un'ascia al collo e decapitandolo. Quando gli uomini della polizia sono arrivati nell'appartamento il reo confesso non sembrava affatto sconvolto, anzi ripeteva agli inquirenti: "Finalmente me ne sono liberato.

Era qui soltanto per mangiare e dormire". Il corpo di Nunzio, 36 anni, giaceva senza vita nell’appartamento al quarto piano di via Negrisoli, a Sant’Alberto di Ravenna. L'assassino, un pensionato di 72 anni, è in arresto per omicidio volontario e si trova piantonato all’ospedale di Ravenna. Nella lite ha riportato diverse ferite e verrà operato. Il figlio, racconta il Resto del Carlino, gli aveva reso la vita un inferno. Liti continue, botte, richieste di denaro con le quali lui, disoccupato e una vita consumata dalla droga, lo assillava quotidianamente.

Il 72enne da una decina d’anni si era trasferito nelle campagne di Ravenna e Nunzio si era trasferito stabilmente da lui nel 2011. Nell’appartamento popolare di via Negrisoli i litigi erano diventati un'abitudine. Dopo aver ammazzato il figlio, Giuseppe ha telefonato alla figlia Cosima, e le ha detto quello che aveva fatto . Il ragazzo è stato ammazzato in modo brutale: sul pavimento è stata trovata l'arma del delitto, un'ascia, e Nunzio era a terra, in un lago di sangue. La casa era devastata a colpi di scure.

Tags:
ravennauccidefiglioaccetta
in evidenza
Casaleggio-Sabatini, che coppia Mano nella mano in dolce attesa

Paparazzati in un hotel di lusso

Casaleggio-Sabatini, che coppia
Mano nella mano in dolce attesa

i più visti
in vetrina
Meteo, il maltempo spacca l’Italia tra temporali e super caldo

Meteo, il maltempo spacca l’Italia tra temporali e super caldo





casa, immobiliare
motori
DS 7 CROSSBACK: viaggiare in un comfort premium

DS 7 CROSSBACK: viaggiare in un comfort premium


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.