A- A+
Cronache
Renzo Piano e il Ponte di acciaio millenario

Renzo Piano è conosciuto con l’orribile neologismo di “archistar” e cioè è un famoso architetto che è assurto alla gloria della professione e la illustra con alti e consolidati meriti.

Essendo Piano genovese ha quindi voluto offrire il suo contributo alla ricostruzione del Ponte crollato nella sua città e lo ha fatto in tempi celeri presentando un suggestivo plastico al governatore della Liguria Giovanni Toti e al sindaco Marco Bucci, che l’amministratore delegato di Autostrade per l’Italia, Giovanni Castellucci (ieri l’avviso di garanzia), in una gaffe dal sapore un po’ fantozziano (personaggio oltretutto genovese), ha fratto crollare con una improvvida manata.

Ma torniamo al progetto che sarà realizzato da Fincantieri con solo i soldi -tiene a precisare Luigi Di Maio- di Autostrade. Ieri sera, all’incontro organizzato da Affaritaliani.it a Ceglie Messapica, il premier Giuseppe Conte ha dichiarato a tal proposito nell’intervista al direttore Angelo Perrino: “Sento dire che il ponte lo fa tizio o sempronio, io dico che non abbiamo deliberato nulla e lo dico anche ai soggetti che si stanno cimentando. Sento dire che Autostrade finanzierà il nuovo ponte, benissimo, ma quelle somme saranno accettate a titolo di risarcimento, senza pregiudicare la possibilità di arrivare alla caducazione della concessione”.

L’architetto, invece, ha sentenziato che il ponte: “sarà in acciaio, durerà mille anni”, frase roboante e forse fuori luogo, riecheggiante ricordi e suggestioni imperiali, più da Antica Roma che da sgangherato presente e, tra l’altro, che mal si declina con il subitaneo crollo del plastico.

La generosità dell’architetto senatore è evidente: un progetto gratuito da parte di un personaggio famoso nel mondo che vuole dare un aiuto concreto alla sua città; tuttavia, tale generosità, può anche essere vista come un modo per farsi una bella pubblicità gratuita ed infatti il mondo degli architetti si è diviso: da una parte grandi lodi e dall’altro critiche, tra cui anche quella di non essere un ingegnere e di essere sceso troppo nei dettagli tecnici con -ad esempio- l’idea dei 43 pali di illuminazione per le vittime.

Iscriviti alla newsletter
Commenti
    Tags:
    renzo pianoponte genovagiovanni totimarco buccigiovanni castellucciceglie massapicagiuseppe conte
    in evidenza
    "Un film che rimarrà nella storia" Ennio , intervista al produttore

    Esclusiva/ Parla Gianni Russo

    "Un film che rimarrà nella storia"
    Ennio, intervista al produttore

    i più visti
    in vetrina
    Cristina d'Avena in salsa piccante: "Sesso o cibo? Difficile scegliere"

    Cristina d'Avena in salsa piccante: "Sesso o cibo? Difficile scegliere"





    casa, immobiliare
    motori
    Nuova Kia Niro, l'auto che si ispira alla sostenibilità

    Nuova Kia Niro, l'auto che si ispira alla sostenibilità


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.