A- A+
Cronache


 

 

aula universita

Una rete scuole-imprese per il futuro del mondo del lavoro Il mondo del lavoro è sempre più selettivo nell’assorbire nuove forze, e questo comporta la necessità di un approccio nuovo soprattutto dal punto di vista della formazione.

Rachele Capristo è docente di Discipline Giuridiche ed Economiche e Responsabile della Funzione Strumentale Orientamento presso l’ Istituto di Istruzione Superiore “Bertarelli” di Milano, istituto che dimostra grandissima attenzione all’inserimento dei propri studenti nel mondo del lavoro. “Raramente ci è capitato di trovare nell'ambiente scolastico una così grande dinamicità , preparazione e carica civica ed etica come nel caso dell'Istituto Bertarelli e in particolare della dott.ssa Capristo." dice Nicolò Boggian, Presidente di People in Touch, “E' un fatto molto positivo per la scuola e per la società in generale oltre che nello specifico per gli studenti in questione"

Professoressa Capristo, incassati i complimenti, qual è la situazione? Siamo ben consapevoli di quanto sia difficile entrare nel mondo del lavoro oggi, e ne sono altrettanto consapevoli i nostri ragazzi. Per questo siamo sempre alla ricerca di iniziative che offrano agli studenti informazioni per orientarsi. Insomma, la suola non solo come luogo di formazione ma anche di informazione. Magari appoggiandosi ad altri partner sul territorio che sappiano proporsi come supporto e guida. Cosa chiedono ragazzi in tempo di crisi? Chiedono riferimenti certi.

A chi rivolgersi? Le agenzie sono tante e così si disperdono le informazioni. Anche perché vero che c’è crisi, ma è anche vero che alcuni settori, soprattutto quelli non tradizionali, tengono. Per questo abbiamo bisogno di tenere gli occhi bene aperti sul mercato del lavoro, in modo da orientare i ragazzi verso quei settori che sono più pronti ad accoglierli.

Come escono i ragazzi dalla scuola? Quando escono sono pronti per il mercato. Questo non vuol dire, però, che non si debba migliorare. Abbiamo bisogno di più collegamenti con il mondo del lavoro. E, soprattutto, di creare rete con le imprese.

Chi è più indietro in questo, le scuole o le imprese? Non mi va di fare una graduatoria. Certo, norme migliori ci faciliterebbero il compito. È altrettanto certo che molte imprese non sono ancora ben attrezzate ad accogliere e seguire i ragazzi. E questo è un peccato, perché i giovani portano innovazione e freschezza.

Proviamo a fare una proposta
Creare organismi misti scuole e imprese per incontrarsi e per guidare il futuro dei ragazzi. Perché non bisogna dimenticare che il loro futuro è anche il nostro.

 

Alessandro Casale

Iscriviti alla newsletter
Tags:
retescuole-impreselavoro
in evidenza
Premio Mario Unnia, la cerimonia a Palazzo Mezzanotte

Scatti d'Affari

Premio Mario Unnia, la cerimonia a Palazzo Mezzanotte

i più visti
in vetrina
Madonna, foto 'audaci' a 63 anni: boom sui social per lady Veronica Ciccone

Madonna, foto 'audaci' a 63 anni: boom sui social per lady Veronica Ciccone





casa, immobiliare
motori
Alpine svela il nuovo crossover GT 100% elettrico

Alpine svela il nuovo crossover GT 100% elettrico


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.