A- A+
Cronache
ambulanza 500

La crisi economica continua a mietere vittime. Questa volta la tragedia è avvenuta proprio ai piedi del monastero di Subiaco, un luogo di culto molto noto in Ciociaria. Un uomo si è tolto la vita con la pistola spara chiodi, di quelle usate per uccidere gli animali da macello. Roberto Nirchi, 64 anni di Pofi, imprenditore edile, era scomparso la sera le 3 luglio.

Da allora lo avevano cercato ovunque ma il suo furgone bianco era stato notato nei pressi dell'abbazia di Santa Scolastica a Subiaco. I carabinieri hanno cercato nei paraggi del mezzo e, ad un centinaio di metri, hanno trovato il corpo esanime dell'uomo. In tasca aveva ancora una cartella esattoriale di alcune decine di migliaia di euro. L'imprenditore era scomparso da una decina di giorni e si è ucciso la sera stessa della sua scomparsa.

L’uomo era sposato con figli. Di lui si era occupato anche la trasmissione "Chi l’ha visto?" di Federica Sciarelli. Sulla sua scomparsa stavano indagando i carabinieri della Compagnia di Frosinone, guidati dal capitano Pietro Dimiccoli, che avevano attivato il sistema di ricerche.

Tags:
equitaliacartella
in evidenza
Heidi Klum reggiseno via in barca Diletta Leotta da sogno in vacanza

Wanda Nara.... che foto

Heidi Klum reggiseno via in barca
Diletta Leotta da sogno in vacanza

i più visti
in vetrina
Nicole Daza, chi è la compagna di Marcell Jacobs: la biografia

Nicole Daza, chi è la compagna di Marcell Jacobs: la biografia





casa, immobiliare
motori
Honda HR-V, arriva la tecnologia full Hibird

Honda HR-V, arriva la tecnologia full Hibird


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.