BANNER

Non ci sono giudici al Tribunale di Vibo Valentia ed uno dei processi piu' importanti e delicati in corso di celebrazione rischia la prescrizione. Stamane, infatti, il Tribunale monocratico vibonese, presieduto da un giudice non togato, e' stato costretto a rinviare al 13 ottobre del 2014 il processo "Poison" che vede imputate 12 persone accusate di aver concorso, sia fra loro che singolarmente, a provocare un disastro ambientale gestendo abusivamente 127mila tonnellate di rifiuti tossici e pericolosi provenienti per la quasi totalita' dalla centrale termoelettrica di Brindisi e finiti poi illegalmente dal maggio del 2000 a settembre 2007 nella discarica degli impianti della "Fornace tranquilla srl" a San Calogero, nel Vibonese.

Nell'impossibilita' di poter trattare un processo che necessariamente deve essere presieduto da un giudice togato, il Tribunale ha deciso un rinvio dell'udienza al prossimo anno col rischio concreto che tutto finisca in prescrizione. Il giro d'affari al centro del processo si aggirerebbe attorno 18 milioni di euro perche' tanto sarebbe costato il regolare smaltimento alle centrali Enel di Brindisi, Priolo Gargallo e Termini Imerese da cui provenivano i rifiuti smaltiti invece nel Vibonese.

2013-11-26T10:10:37.103+01:002013-11-26T10:10:00+01:00truetrue1426116falsefalse4Cronache/cronache4130898814262013-11-26T10:10:37.167+01:0014262013-11-26T13:37:50.77+01:000/cronache/rifiuti-tossici-processo-a-rischio-prescrizione261113false2013-11-26T10:24:58.727+01:00308988it-IT102013-11-26T10:10:00"] }
A- A+
Cronache
cava rifiuti

BANNER

Non ci sono giudici al Tribunale di Vibo Valentia ed uno dei processi piu' importanti e delicati in corso di celebrazione rischia la prescrizione. Stamane, infatti, il Tribunale monocratico vibonese, presieduto da un giudice non togato, e' stato costretto a rinviare al 13 ottobre del 2014 il processo "Poison" che vede imputate 12 persone accusate di aver concorso, sia fra loro che singolarmente, a provocare un disastro ambientale gestendo abusivamente 127mila tonnellate di rifiuti tossici e pericolosi provenienti per la quasi totalita' dalla centrale termoelettrica di Brindisi e finiti poi illegalmente dal maggio del 2000 a settembre 2007 nella discarica degli impianti della "Fornace tranquilla srl" a San Calogero, nel Vibonese.

Nell'impossibilita' di poter trattare un processo che necessariamente deve essere presieduto da un giudice togato, il Tribunale ha deciso un rinvio dell'udienza al prossimo anno col rischio concreto che tutto finisca in prescrizione. Il giro d'affari al centro del processo si aggirerebbe attorno 18 milioni di euro perche' tanto sarebbe costato il regolare smaltimento alle centrali Enel di Brindisi, Priolo Gargallo e Termini Imerese da cui provenivano i rifiuti smaltiti invece nel Vibonese.

Tags:
rifiuti tossiciprescrizioneprocesso
in evidenza
Tatangelo, bikini fa girare la testa Britney Spears senza il reggiseno

E Ilary Blasi... FOTO DELLE VIP

Tatangelo, bikini fa girare la testa
Britney Spears senza il reggiseno

i più visti
in vetrina
Federica Pellegrini, balletto irresitibile da medaglia d'oro dopo le Olimpiadi

Federica Pellegrini, balletto irresitibile da medaglia d'oro dopo le Olimpiadi





casa, immobiliare
motori
A luglio i motociclisti italiani in sella per 14mila ore e quasi 8mila km

A luglio i motociclisti italiani in sella per 14mila ore e quasi 8mila km


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.