A- A+
Cronache

Le disponibilita' finanziarie sequestrate nelle aziende del gruppo Riva e' pari a 49.094.482 euro, "cioe' pari a meno del dieci per cento di quanto sequestrato". Lo dice il procuratore capo della Repubblica, Franco Sebastio, intervenendo sul sequestro effettuato su beni e conti di 13 societa' del gruppo Riva, dietro provvedimento del gip di Taranto, nell'ambito dell'inchiesta sul disastro ambientale dell'Ilva di Taranto. Il procuratore afferma che "il valore complessivo del sequestro e' stato preventivamente stimato, sulla base delle poste patrimoniali indicate nei bilanci depositati delle societa' colpite dal provvedimento, in circa 950 milioni di euro, ma attualmente sono stati attinti cespiti per un importo complessivo di circa 600 milioni di euro", piu' esattamente in 593.775.657 milioni di euro.

Tags:
riva acciaiobenisequestro
in evidenza
Dayane Mello bacia Dana Saber Ecco chi è la misteriosa modella

Pomeriggio rovente a Milano

Dayane Mello bacia Dana Saber
Ecco chi è la misteriosa modella

i più visti
in vetrina
Caldo record e rincari Condizionatori, come scegliere i migliori: i consigli per risparmiare

Caldo record e rincari
Condizionatori, come scegliere i migliori: i consigli per risparmiare





casa, immobiliare
motori
FIAT presenta il Sanitizing Glove Box: igienizzare piccoli oggetti

FIAT presenta il Sanitizing Glove Box: igienizzare piccoli oggetti


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.