A- A+
Cronache

 

Continuano le indagini sul caso Ragusa. Perquisita l'abitazione della famiglia di Roberta Ragusa a Gello di San Giuliano Terme condotta dai carabinieri del nucleo investigativo del comando provinciale. I militari hanno ispezionato alcune parti del complesso residenziale di proprietà dei Logli, famiglia del marito. La donna è scomparsa da oltre un anno e gli inquirenti sospettano che a ucciderla sia stato il marito.

Sul posto hanno operato  anche i cani del nucleo cinofilo di protezione civile della pubblica assistenza di Rosignano Marittimo (Livorno) specializzati nell'individuazione di tracce ematiche e resti umani. Le ricerche si sarebbero concentrate particolarmente in un capannone adibito a magazzino posto sul retro della casa e anche in altre pertinenze di proprietà della famiglia Logli, nel complesso residenziale di via Ulisse Dini a Gello di San Giuliano Terme dove viveva Roberta Ragusa, l'autoscuola e altre attività commerciali che risultano regolarmente aperte: si tratta di un'autofficina e una scuola di danza. Nello stesso complesso anche se in case separate abitano i genitori di Logli e il fratello.

Tags:
roberta ragusavillaperquisizione
in evidenza
Wanda Nara-Icardi di nuovo insieme... in un reality

"Ci sarà anche Maxi Lopez"

Wanda Nara-Icardi di nuovo insieme... in un reality


in vetrina
Finanza agevolata e promozioni, Simest supporta le imprese colpite dalla guerra

Finanza agevolata e promozioni, Simest supporta le imprese colpite dalla guerra





motori
Renault Arkana: si conferma un pilastro della Renaulution

Renault Arkana: si conferma un pilastro della Renaulution

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.