A- A+
Cronache
Farmaci inutili, cure fasulle e... Ecco tutte le bugie sulla salute
La trombosi uccide più del cancro e dell’Aids

Per la salute e la bellezza si è disposti a credere a tutto, anche che sia possibile con una lozione far ricrescere i capelli o che con la cartilagine di squalo, l’aculeo velenoso dello scorpione, o addirittura con le mandorle, si guarisca dal cancro. Lo stesso vale per l’omeopatia, l’agopuntura, il bicarbonato di Simoncini, il siero di Bonifacio o le staminali di Vannoni. Contro le truffe in farmacia, le cure inutili e le illusioni della medicina alternativa, qui dimostrate da chi le denuncia da anni, l’unico antidoto è l’informazione: per salvaguardare noi stessi e il progresso scientifico, quello al servizio dell’uomo e non degli interessi delle aziende farmaceutiche e degli speculatori.

E' questo il tema deli libro "Salute e bugie - Come difendersi da farmaci inutili, cure fasulle e ciarlatani" di Salvo Di Grazia.  Di Grazia è un medico chirurgo: oltre a collaborare a ilfattoquotidiano.it e a riviste di divulgazione scientifica, ha fondato il blog “MedBunker”, visitatissimo osservatorio sulla medicina, la scienza e i ciarlatani della salute.

Salute e bugie Di Grazia
 

ESTRATTO DAL LIBRO: "SALUTE E BUGIE - COME DIFENDERSI DA FARMACI INUTILI, CURE FASULLE E CIARLATANI" (per gentile concessione di Chiarelettere)

Tutto ciò che riguarda la salute è meritevole della nostra attenzione e per questo è sempre stato oggetto di interessi di qualsiasi tipo, soprattutto economici: sono in molti a speculare approfittando della nostra buona fede e della nostra ignoranza. Talvolta della nostra disperazione. Lasciarsi cullare dalle promesse di successo è il sogno proibito di chiunque sia alle prese con una malattia, di chi insegue una bellezza che non ha o di chi si illude di posticipare a oltranza la propria fine. Gli scaffali delle librerie sono pieni di titoli come Guarire da soli, La forza della mente o La cura per tutte le malattie; volumi dai nomi altisonanti che raccontano come si possa guarire dai mali più gravi con mezzi semplici, economici e disponibili a tutti. Quelli però sono romanzi: non è medicina né realtà, solo fantasia.

Sul web, poi, si trova di tutto: dalle pozioni per dimagrire agli anelli per l’immortalità, fino alle pillole dell’eterna giovinezza. Non ci resta che una sola possibilità per farci strada in questa selva e comprendere cosa è meglio per la nostra salute e cosa sia da evitare: la conoscenza. Niente paura, non serve studiare per anni voluminosi testi di fisiologia o anatomia: di solito bastano il buon senso, poche nozioni (che proverò a ricordare) e una dose di spirito di osservazione. I ciarlatani della pseudomedicina adottano copioni identici, agiscono tutti allo stesso modo e vogliono ottenere sempre un solo risultato: guadagnare. Ed è proprio il lato finanziario quello più sottovalutato e poco conosciuto a proposito di «medicina alternativa».

Se non ci fosse alle spalle un enorme giro di denaro, non si spiegherebbero né le strutture che i presunti «guru» mettono in piedi, né l’astio e le minacce che destinano a chi, con argomenti scientifici, spiega perché non siano attendibili. Dire che il cancro si cura nel 99 per cento dei casi con una tisana di erbe è molto più tranquillizzante e popolare che parlare di uno stiracchiato 50 per cento di guarigione con la chemioterapia o con un intervento chirurgico. Tutti vorremmo essere tranquillizzati, specialmente quando si tratta di gravi problemi di salute; poco importa se le parole rasserenanti provengono da un medico o da un ciarlatano, da uno scienziato o da un guaritore. Ma se una cura non funziona e continua a essere venduta come efficace, non c’è altro modo per definirla se non con un termine inequivocabile: truffa.

Possibile che tanta gente creda a cure inefficaci? Sì, e il motivo principale è uno solo: la disinformazione. Per molti conoscere quello che è in realtà l’omeopatia potrebbe essere uno shock, sapere che l’agopuntura non è una pratica antica e millenaria potrebbe far crollare certezze assolute. Non è così scontato, infatti, che la gente sappia di cosa si stia parlando: entrambe le pratiche sono un misto di superstizione, pseudoscienza e fede dogmatica, arricchite da aneddoti e vere e proprie leggende che le rendono più affascinanti. Nessuna dimostrazione, nessun effetto benefico provato; chi le ha studiate sa che si tratta di cure inefficaci. In questo libro faremo quindi un viaggio nella cattiva medicina, quella che illude, truffa, promette di curare quando non può farlo. Conosceremo assieme le pratiche più incredibili, alcune chiaramente inattendibili, altre in apparenza efficaci. Lo scopo è imparare a tenere gli occhi aperti quando si parla di salute, un bene troppo prezioso per essere ceduto alle mani di ciarlatani e truffatori. Si resta liberi di curarsi come si vuole, e persino di non curarsi, ma la vera libertà è l’informazione: conoscere ciò che ci propongono, essere coscienti di quanto facciamo. Proverò a informarvi, per lasciarvi decidere se affidarvi al metodo scientifico o alle improvvisazioni, alle cure provate o alle illusioni mai dimostrate. Questo sarà il primo passo per stare meglio.

Tags:
salutebugiesanità
in evidenza
Condizionatori, scegliere i migliori Tutti i consigli per risparmiare

Caldo record e rincari

Condizionatori, scegliere i migliori
Tutti i consigli per risparmiare

i più visti
in vetrina
Pomeriggio rovente a Milano Dayane Mello bacia Dana Saber Ecco chi è la misteriosa modella

Pomeriggio rovente a Milano
Dayane Mello bacia Dana Saber
Ecco chi è la misteriosa modella





casa, immobiliare
motori
I SUV Jeep® 4xe si confermano leader di vendite nel primo semestre 2022

I SUV Jeep® 4xe si confermano leader di vendite nel primo semestre 2022


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.