A- A+
Cronache
salvatore borsellino1

di Lorenzo Lamperti

"Sono sempre stato vicino a Ingroia, ma ha sbagliato nel modo di presentarsi in politica. Non ha saputo fidarsi delle forze giovani e ha preferito circondarsi di vecchi partiti ormai in decomposizione". Salvatore Borsellino, fratello del magistrato ucciso a Palermo nel 1992 e leader del Movimento delle Agende Rosse, parla del risultato elettorale in un'intervista ad Affaritaliani.it: "Questo Paese aveva bisogno di uno choc e il Movimento 5 Stelle certamente lo è stato". Alcune esternazioni di Grillo sulla giustizia hanno fatto discutere: "Ma non è che bisogna difendere tutti i giudici a prescindere. La cosa importante è l'indipendenza della magistratura". E la frase sulla mafia che non esiste più al Sud? "Era un'iperbole. Conosco tanti giovani del movimento e so che hanno a cuore il bene comune". 

NUOVO GIALLO SU CAPACI E VIA D'AMELIO. LE RICHIESTE IGNORATE DI FALCONESUI DISPOSITIVI BOMB JAMMERS

"Dopo il fallito attentato dell'Addaura del 21 giugno 1989, Giovanni Falcone richiese di essere equipaggiato delle tecnologie bomb jammer". Lo sostiene Salvatore Borsellino, informato da un consulente per la sicurezza dell'area Security and Investigations. I dispositivi avrebbero rappresentato un'ottima difesa contro gli ordigni radiocomandati. "Gli furono negati", spiega Borsellino "e vorrei sapere perché". Ma secondo il fratello del magistrato ucciso il 19 luglio 1992 non sarebbe comunque cambiato nulla: "Lo avrebbero ammazzato lo stesso. La strage non è stata solo della mafia ma di pezzi deviati dello Stato che hanno partecipato sia alla decisione sia all'esecuzione dell'attentato"

Lorenzo Lamperti

Salvatore Borsellino, Grillo è il vero vincitore delle elezioni. Può essere un bene per l'Italia oppure no?

Questo Paese aveva bisogno di uno choc. Da tempo la classe politica non pensa più al bene del Paese ma solo a tutelare i propri interessi. La cosa buona è che con il Movimento 5 Stelle arriveranno in Parlamento tanti giovani con idee positivie. Io credo molto nei giovani, possono e devono essere loro a rinnovare l'Italia. E poi la cosa importante è che Grillo è riuscito ad attrarre su di sé tante galassie diverse. In passato l'aria movimentista era sempre stata frammentata e non era mai riuscita ad assumere dei contorni così rilevanti.

Dentro il Movimento però ci sono tante anime. Non pensa che poi alla prova dei fatti qualcuno di loro possa cedere alle "lusinghe" della politica e magari cambiare casacca?

Mi auguro davvero che non si verifichi la solita compravendita. Ma credo che questa volta non si verificherà. Conosco tanti giovani che hanno combattuto parecchie battaglie con me sui temi della giustizia e dell'antimafia e che ora fanno parte del movimento di Grillo. So che sono spinti da motivi ideali e non economici.

Il modo in cui il Movimento 5 Stelle affronta l'argomento giustizia la soddisfa?

Certo non è al primo posto delle loro priorità. Però so che che lotta per il bene come nessun altro partito.

Però Grillo recentemente ha attaccato la magistratura, dicendo che ne "ha paura". A qualcuno è venuto in mente Berlusconi...

Beh, c'è magistratura e magistratura. Non è che difendiamo tutti a scatola chiusa. Io per esempio non difenderei mai il Csm visto come si è comportato con Scarpinato e Ingroia. E' da difendere soprattutto l'indipendenza della magistratura.

Qualche mese fa Grillo ha anche detto che la mafia non esiste più al Sud e che si è trasferita tutta al Nord.

Sì, ma Grillo parla per iperboli. Non è vero che la mafia si è spostata tutta al Nord, il Sud ne è ancora intrisa. Però quella al Nord è più pericolosa perché è più difficile da vedere. Io credo che Grillo intendesse dire questo.

Può esistere anche a livello nazionale un modello siciliano con l'appoggio esterno del Movimento 5 Stelle a un governo guidato da Bersani?

Non accetto leggere o sentire che il Paese non è governabile. E' governabile  eccome, perché i parlamentari del Movimento 5 Stelle si confronterà con il centrosinistra sui singoli temi. Io credo sia possibile un governo, anche a tempo, in grado di compiere le riforme indispensabili.

Come ha reagito alla candidatura di Ingroia, il pm che stava indagando sulla trattativa Stato-mafia e l'uccisione di suo fratello?

Ho appoggiato il suo progetto. In magistratura aveva fatto tutto quello che poteva fare poi arrivato a un certo punto non lo hanno fatto più andare avanti. La politica, di destra e sinistra, complice della congiura del silenzio su quello che è stato il peccato originale della Seconda Repubblica gli ha sbarrato la porta. E lui ha deciso di provare a fare luce nelle stanze della politica. Poi non condivido il modo in cui ha realizzato questo progetto. Non si è voluto fidare delle forze giovani e si è affidato a partiti ormai in decomposizione.

Twitter: @LorenzoLamperti

Tags:
grillosalvatore borsellinoingroiamafia
in evidenza
Casaleggio-Sabatini, che coppia Mano nella mano in dolce attesa

Paparazzati in un hotel di lusso

Casaleggio-Sabatini, che coppia
Mano nella mano in dolce attesa

i più visti
in vetrina
Meteo, il maltempo spacca l’Italia tra temporali e super caldo

Meteo, il maltempo spacca l’Italia tra temporali e super caldo





casa, immobiliare
motori
Prende il via da Cagliari il raoadshow ELECTRIQA firmato Mercedes

Prende il via da Cagliari il raoadshow ELECTRIQA firmato Mercedes


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.