A- A+
Cronache
zcVYnplgPUzMZToufqCzvJT3lh1

di Antonino D'Anna

Bergoglio alleato della dittatura argentina? Un falso. E adesso un libro porta prove che raccontano un'altra verità: il futuro Papa, negli anni tra il 1976 e il 1983 non solo non cooperò con la dittatura dei generali argentini, ma mise in piedi – con trucchi e stratagemmi – una vera e propria “rete” clandestina grazie alla quale, a rischio della sua vita e reputazione, riuscì a far uscire dall'Argentina o a nascondere molte persone che il regime di Jorge Videla aveva già messo sotto tiro e che sarebbero diventati inequivocabilmente desaparecidos. E non solo: i superiori a Roma vennero sempre informati delle azioni di Bergoglio e delle sue iniziative.

La storia della rete clandestina messa in piedi da Jorge Mario Bergoglio è emersa solo dopo la sua elezione al Pontificato e la disgustosa polemica sul suo presunto appoggio (con tanto di foto taroccate) al regime argentino. A raccontarla è stato il giornalista di “Avvenire” Nello Scavo, che ha raccontato la sua esperienza e la storia alla base del suo “La lista di Bergoglio” (Emi Torino, pp. 192, € 11,20) in un incontro teutosi a Milano, presso il Centro San Fedele dei Gesuiti, nei giorni scorsi. Scavo prende le mosse dall'elezione di Francesco: “Quando la Chiesa è in difficoltà si affida ai Gesuiti, loro sono la 'Delta Force', i marines della Chiesa che intervengono sul campo”, dice. E proprio in quelle ore inizia a girare la “leggenda nera” della connivenza di Bergoglio con il regime di Videla: “Mi sono chiesto: i cardinali si sono sbagliati? E ho iniziato a indagare”. Scoprendo che le accuse non erano così incontrovertibili come potevano sembrare. Uno degli eroi dimenticati di questa storia è il viceconsole italiano in Argentina, Enrico Calamai, che più volte è riuscito a salvare e far scappare centinaia di persone all'estero.

Ma il futuro Papa, in quegli anni Settanta insanguinati, perché non ha gridato contro il regime? La risposta, per Scavo, è semplice: “Se Bergoglio avesse gridato, la sua voce nemmeno si sarebbe sentita”. Tanto che il suo nome nelle cronache inizia ad affiorare solo dagli anni '90, quando diventa vescovo Ausiliare di Buenos Aires e dopo coadiutare (cioè con diritto di successione). Che fare, allora? Urlare non sarebbe servito a niente, essere compromesso nemmeno (la compromissione era espressa dalla Gerarchia locale, rappresentata in primis dal nunzio in Argentina, cardinale Pio Laghi): l'unica soluzione è stata quella di rischiare, come rischiarono (e morirono) 113 tra sacerdoti, religiosi, vescovi. Il giornalista di Avvenire racconta, ad esempio, come Bergoglio riuscì a nascondere centinaia di persone presso il collegio bairense di San Miguel; oppure quando travestì un giovane da prete (era molto somigliante a un suo religioso) e lo fece espatriare nel nord dell'Argentina: i poliziotti non si accorsero dello scambio di persona. Per il gesuita Alfredo Somoza, il futuro Francesco in quegli anni '70 gioca una vera e propria partita a scacchi con i militari. Con Alicia Oliveira, magistrato argentino dalle idee molto progressiste, deve giocare d'astuzia e non poco: la Oliveira non vuole andare “in mezzo ai preti” a San Miguel. Bene: due volte la settimana padre Jorge con una macchina va a prenderla dal suo nascondiglio, la chiude nel portabagagli e se la porta in collegio a incontrare i figli: “Pensate che rischio – dice Scavo – per Bergoglio: avrebbero potuto ucciderlo oppure il regime lo avrebbe potuto diffamare: uno dei responsabili dei Gesuiti fermato mentre era in macchina con una donna nel cofano”. Juan Carlos Scannone, docente di teologia del futuro Papa, finisce nel mirino della dittatura e rischia di non poter pubblicare più un rigo. Padre Jorge lo incontra di persona e, a quattrocchi, gli spiega come scrivere e in che modo per superare la censura della polizia e della Gerarchia. A parlare con Scavo e rompere il muro di silenzio è stato proprio Scannone, che ha raccontato al giornalista come il Papa “non voglia una revisione del suo CV a mezzo di un giornalista”. E non ha mai voluto mettere in piazza il suo impegno segreto. Le storie sono tante, e testimonianze giungono ancora al giornalista di Avvenire. La lista di Bergoglio, è certo, non è ancora del tutto chiusa.

Tags:
bergogliodesaparecidos
in evidenza
Non solo caldo africano... Attenti ai temporali violenti

Meteo, eventi estremi

Non solo caldo africano...
Attenti ai temporali violenti

i più visti
in vetrina
Zity: a Milano il nuovo carsharing 100% elettrico

Zity: a Milano il nuovo carsharing 100% elettrico





casa, immobiliare
motori
Mercedes me Charge le nuove offerte per i clienti elettrificati della Stella

Mercedes me Charge le nuove offerte per i clienti elettrificati della Stella


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.