A- A+
Cronache
Sanità, occhio allo sciacallaggio dei privati. Telemedicina per il territorio
"La salute pubblica, il benessere fisico e mentale delle persone, viene prima di ogni altra cosa: è lo scopo fondamentale del nostro lavoro di medici, la cura delle persone, che richiede, e direi, impone un servizio sanitario pubblico efficiente, una medicina del territorio ben attrezzata ed una ricerca pubblica forte e solida. E’ la lezione amara che ci ha impartito la devastante pandemia scatenata dal virus Sars-Cov-2".
 
E’ con questa premessa che il primario di Cardiologia del Policlinico Umberto I° di Roma, Francesco Fedele, si cala nello specifico della pandemia mettendo in guardia dal capitalismo sanitario e dal capitalismo della ricerca che potrebbe strumentalizzare la paura del momento.
 
"Vede c’è un vecchio aforisma - attacca il cardiologo romano - che recita: la mente è come l’ombrello, funziona meglio quando è aperto. È il momento di far tesoro di questo ammonimento. È fondamentale che si apra completamente la mente di tutti: governanti, scienziati, medici, operatori sanitari, imprenditori, cittadini, affinché: 1) si riconoscano con onestà intellettuale gli errori e le criticità che hanno contribuito ad aumentare la virulenza del Covid-19; 2) si evitino operazioni di strumentalizzazione; 3) si attuino azioni di riforma e riprogettazione per salvaguardare e potenziare la salute e la cultura, ossia Scuola e Università".
 
Lei, dunque, solleva e pone sul tappeto tre questioni che ritiene indispensabili, connesse alla sua premessa: ce le illustra?
"Per quanto riguarda il primo punto, non possiamo non riconoscere che questa pandemia ha messo in evidenza punti deboli del nostro Sistema Sanitario Nazionale: a) debolezza dell’assistenza territoriale; b) sproporzione tra strutture pubbliche e strutture private accreditate con predilezione per quest’ultime in alcune realtà regionali; c) carenza di posti letto di rianimazione e associate competenze, strettamente collegato al punto precedente in quanto la sanità privata accreditata non ha interesse nelle rianimazioni; d) scarsità di presidi diagnostici, come tamponi e test sierologici e soprattutto di dispositivi di protezione per il personale sanitario".
 
Quindi il secondo punto ancora profondamente inserito nel contesto culturale, politico e sociale...
"In questo momento dobbiamo porre attenzione affinché questa drammatica situazione non sia strumentalizzata dal capitalismo sanitario e dal capitalismo della ricerca – precisa -  Enti privati più agili e meno burocratizzati rispetto a  quelli pubblici possono sfruttare la paura del momento per mettersi in prima linea e alla ribalta, anche mediatica, al fine di drenare risorse e finanziamenti che dovrebbero, al contrario, prediligere il sostegno alla Sanità e alla Ricerca pubblica, sicuramente non profit".
 
E’ come mettere, affondare il bisturi in una ferita tutt’altro che curata e saturata: riguarda forse la fragilissima rete della medicina del territorio?
"Fondamentale è assicurare una articolata e capillare rete assistenziale territoriale che – risponde Fedele - possa permettere non solo la diagnosi ma anche l’assistenza domiciliare dei pazienti meno gravi. In questo specifico ambito possono essere implementate le tecnologie di telemedicina per il controllo a distanza dell’elettrocardiogramma, della pressione arteriosa, della temperatura corporea e della saturazione di ossigeno nel sangue. L’assistenza domiciliare in tele monitoraggio può di certo alleggerire il carico assistenziale ospedaliero permettendo un più mirato impiego degli strumenti terapeutici attualmente a nostra disposizione. Non sono ancora i vaccini, ma se si evita lo tsunami degli accessi ai pronto soccorso, i pazienti ricoverati possono realmente usufruire di risorse diagnostiche e terapeutiche che stanno dimostrando la loro efficacia".
 
L’analisi critica ma altamente propositiva va quindi nello specifico, alla realtà delle cose, dell’attuale status quo...
"Sul versante ospedaliero, vanno potenziati gli ospedali pubblici e non dimentichiamo quelli che, anche se datati come il San Camillo ed il Policlinico Umberto I a Roma, per la loro struttura a padiglioni si adattano perfettamente non solo alla cura dei pazienti infetti Covid-19 ma anche al trattamento delle altre patologie non trasmissibili come quelle oncologiche e cardiovascolari che, comunque, rimangono sempre al primo posto per morbilità e mortalità. Non dimentichiamo e non trascuriamo queste strutture: lo spettro del San Giacomo e del Forlanini ancora aleggia su Roma e rappresenta un monito per i nostri Governanti affinché non adottino provvedimenti legati a logiche semplicisticamente economiche, sostanzialmente miopi nella prospettiva".
 
E’ un fiume in piena, il cardiologo del Policlinico Umberto I° nel difendere il Servizio Sanitario Nazionale, il sistema pubblico...
"Che dire poi dell’Università, che in questo drammatico momento si è contraddistinta per la sua relativa assenza? Essa è la sede della formazione, abbiamo bisogno di medici e di specialisti preparati e all’altezza di situazioni di emergenza quale quella che stiamo vivendo. Vogliamo ripensare alle modalità di reclutamento dei nuovi medici? Il sistema a quiz così come attualmente concepito sicuramente non seleziona accuratamente. E la ricerca? Sono due mesi che vediamo in primo piano istituti di ricerca privati. Ma non dovrebbe essere l’Università la capofila? Non continuiamo a dissanguarla come stiamo facendo da anni. I giovani migliori ci lasciano non solo per l’estero ma anche per trasferirsi in ambienti più remunerativi, sicuramente più profit e meno indipendenti".
 
Insomma, professore Lei coraggiosamente sta proponendo una riforma strutturale del sistema sanitario nazionale messo sotto pressione del privato accreditato perché la salute pubblica viene prima di tutto, prima del profitto?
"Riflettiamo su tutto ciò, apriamo le nostre menti e sfruttiamo di questa pandemia lo stimolo a rimodulare la nostra società, privilegiando i valori fondamentali come la persona umana, la cultura, la salute e il benessere psico-fisico di tutti".
Loading...
Commenti
    Tags:
    coronavirus
    Loading...
    in evidenza
    Clicca qui e manda il tuo meme a mandalatuafoto@affaritaliani.it
    Fase 2, gli sconfitti sono i cani Nostalgia delle uscite in lockdown

    Coronavirus vissuto con ironia

    Fase 2, gli sconfitti sono i cani
    Nostalgia delle uscite in lockdown

    i più visti
    in vetrina
    Meteo, estate lontana! Sferzata dal Polo Nord con piogge, temporali e fresco

    Meteo, estate lontana! Sferzata dal Polo Nord con piogge, temporali e fresco


    Zurich Connect

    Zurich Connect ti permette di risparmiare sull'assicurazione auto senza compromessi sulla qualità del servizio. Scopri la polizza auto e fai un preventivo

    casa, immobiliare
    motori
    BMW X2 XDrive 25e, la prima compatta con trazione ibrida

    BMW X2 XDrive 25e, la prima compatta con trazione ibrida


    RICHIEDI ONLINE IL TUO MUTUO
    Finalità del mutuo
    Importo del mutuo
    Euro
    Durata del mutuo
    anni
    in collaborazione con
    logo MutuiOnline.it
    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2020 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.