A- A+
Cronache
Scajola, "aggravante mafiosa per Lady Matacena"

Riprendera' il 18 dicembre il processo in abbreviato che vede imputati Chiara Rizzo, Martino Politi e Roberta Sacco, scaturito dall'operazione Breakfast della Dia di Reggio Calabria condotta nel maggio scorso e che ha visto coinvolto anche l'ex ministro dell'Interno Claudio Scajola. L'indagine nasce dai presunti tentativi di favorire la latitanza dell'ex deputato di Forza Italia Amedeo Matacena, latitante a Dubai dopo la condanna definitiva a 5 anni, recentemente ridotta a 3 anni dalla Cassazione, per concorso esterno in associazione mafiosa. Al termine dell'udienza celebrata stamani, il gup Adriana Trapani ha deciso il rinvio di una settimana, riservandosi di decidere sulla richiesta del pm Giuseppe Lombardo, il quale ha presentato una nuova informativa e ha chiesto nuovamente di aggiungere al capo d'imputazione anche l'aggravante dell'art. 7, ovvero l'avere agito con modalita' mafiose o per agevolare la mafia. Stamani Chiara Rizzo, alla quale circa un mese fa sono stati revocati gli arresti domiciliari, non e' venuta a Reggio Calabria per assistere all'udienza.

"Con riferimento alle nuove contestazioni oggi effettuate dall'ufficio di Procura va da subito chiarito che, allo stato, le stesse non sono state ammesse dal gip. Su nostra richiesta la dott.ssa Trapani ha concesso alla difesa un termine per interloquire sull'ammissibilita' della nuove contestazioni e su questo tema il giudice dovra' prendere una decisione tra sette giorni". Lo afferma in una nota stampa l'avvocato Bonaventura Candido, difensore di Chiara Rizzo, nel processo che si sta celebrando dinnanzi al gup scaturito dall'operazione Breakfast della Dia di Reggio Calabria. "Nel merito - prosegue l'avvocato Candido - riteniamo tali contestazioni, oltre che infondate, del tutto inammissibili ed in contrasto con i limiti che derivano dal provvedimento di estradizione della nostra cliente che non lascia spazio alcuno a fatti nuovi di epoca anteriore all'estradizione stessa. Inoltre, relativamente all'aggravante ex art. 7, abbiamo l'impressione che si voglia far rientrare dalla finestra cio' che nel procedimento a carico di Chiara Rizzo e' gia' uscito della porta principale del procedimento. L'ufficio di Procura aveva infatti gia' contestato la detta aggravante. A fronte delle fondate e trancianti censure del gip (Tarzia) la Procura aveva rinunziato a detta contestazione e cio' ha consentito di chiedere il giudizio immediato che, altrimenti, non avrebbe potuto avere corso. Oggi - conclude il legale - la Procura ripropone le stesse contestazioni ma a nostro giudizio cio' non e' tecnicamente possibile. Queste ed altre saranno le eccezioni che sosterremo con vigore alla prossima udienza del 18 dicembre perche' convinti della irritualita' ed infondatezza delle richieste oggi avanzate".

Tags:
scajola
in evidenza
Casaleggio-Sabatini, che coppia Mano nella mano in dolce attesa

Paparazzati in un hotel di lusso

Casaleggio-Sabatini, che coppia
Mano nella mano in dolce attesa

i più visti
in vetrina
Meteo, il maltempo spacca l’Italia tra temporali e super caldo

Meteo, il maltempo spacca l’Italia tra temporali e super caldo





casa, immobiliare
motori
Prende il via da Cagliari il raoadshow ELECTRIQA firmato Mercedes

Prende il via da Cagliari il raoadshow ELECTRIQA firmato Mercedes


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.