A- A+
Cronache
Sciolto nell'acido per errore di persona. Case e soldi per evitare l'ergastolo

Napoli, ucciso e sciolto nell'acido: killer incastrati dopo 23 anni

Il 30 luglio 2000 un ragazzo di 26 anni venne ucciso per un'esecuzione di camorra. A Giulio Giaccio gli hanno non solo sparato ma lo hanno anche sciolto nell'acido. Solo dopo aver compiuto l'esecuzione però - si legge sul Messaggero - si è scoperto che quel giovane non c'entrava niente e si era trattato di un terribile scambio di persona. Troppo tardi per restituire la vita ad un innocente. Ora a distanza di 23 anni i fatti sono stati accertati e i colpevoli rischiano l'ergastolo. Da qui la decisione alla vigilia del processo di contattare la famiglia e formulare loro un'offerta risarcitoria. Tre assegni per un totale di 30mila euro, un paio di immobili per un totale da 120mila euro.

E tante scuse per la vita di un ragazzo di 26 anni distrutta senza un motivo, magari - prosegue il Messaggero - una stretta di mano per chiudere una pagina orrenda. Ma si è trattato di un'istanza respinta sul nascere dai tre parenti del ragazzo ucciso, dal momento che essi confidano esclusivamente nelle determinazioni dell'autorità giudiziaria, all'esito del processo penale. Per questo motivo, l'offerta "reale" formulata non può trovare accoglimento. Spiegano oggi i parenti: "Chiediamo giustizia per chi ha spento il sorriso di Giulio". Un ex cold case risolto a distanza di 23 anni: si trattò di un errore di persona, Giulio fu ucciso il 30 luglio del 2000 al posto di un altro, per una svista da parte del filatore, dell'uomo che avrebbe dovuto indicare la presenza dell'uomo da uccidere.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
cronache napoli
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Iran, ecco Raisi prima dell'incidente fatale in elicottero: le foto del leader e del suo entourage

Ultimi scatti prima dello schianto

Iran, ecco Raisi prima dell'incidente fatale in elicottero: le foto del leader e del suo entourage


in vetrina
Covid, "Il ruggito della pecora nera". Anteprima: libro di Maria Rita Gismondo

Covid, "Il ruggito della pecora nera". Anteprima: libro di Maria Rita Gismondo





motori
Alfa Romeo presenta il nuovo store online

Alfa Romeo presenta il nuovo store online

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.