A- A+
Cronache

di Antonino D'Anna

Giornata di attese e smentite, quella in cui l'alba viene salutata dalla notizia che la diocesi di Friburgo starebbe pensando ad un cammino per riammettere i divorziati risposati ai Sacramenti, e l'annuncio della convocazione di un Sinodo che nel 2014 riunirà 150 prelati attorno al Papa per discutere di famiglia e morale sessuale. Le notizie che arrivano dalla Germania sono state smentite dal portavoce vaticano Padre Federico Lombardi che, parlando con Vatican Insider, ha osservato come al momento per i divorziati non cambi nulla: “Non c'è nessuna novità per i divorziati risposati: il documento proviene infatti da un ufficio pastorale locale e non investe la responsabilità del vescovo”. Insomma: “una fuga in avanti, che non è ufficialmente espressione dell'autorità diocesana”. Una dichiarazione che frena gli entusiasmi e che si colloca in quella previsione fatta dal responsabile dei lefebvriani tedeschi Matthias Gaudron, secondo il quale la Chiesa cattolica tedesca crollerà in 15-20 anni. Il punto è che Mohrle sa di che cosa sta parlando, e lo dice allo Spiegel: “Vogliam oessere aperti nei confronti delle persone colpite dal fallimento del matrimonio, ascoltarli e dare loro una risposta”.

Anche perché il tasso di divorzi è alto, e una risposta serve. Del resto, in Germania l'intervista rilasciata da Francesco a padre Antonio Spadaro SJ, direttore della rivista gesuita “La civiltà cattolica”, ha avuto una vasta eco. E lo stesso presidente dei vescovi tedeschi, Robert Zollitsch (arcivescovo emerito di Friburgo) ha visto nelle parole del Papa un incitamento a fare meglio, partendo proprio dal dialogo. Vedremo se ora ci sarà un'ulteriore marcia indietro oppure no. Certo è segno di un clima diverso, nel quale un ufficio pastorale può prendersi la briga di stendere e inviare a tutti i sacerdoti della diocesi di Friburgo un documento simile.

Dove invece ci potranno essere interessanti sorprese sarà con il prossimo Sinodo straordinario dedicato alla famiglia e che si terrà in Vaticano dal 5 al 9 ottobre dell'anno prossimo. È lecito attendersi delle novità da questo momento. Perché il Papa, appunto, ha ipotizzato una Chiesa in cui i Sinodi non saranno più semplici sfogatoi, ma soprattutto dei luoghi in cui il consiglio dei vescovi potrà aiutare il Pontefice nel governo della Chiesa. Allo stato attuale i Sinodi producono documenti dal valore consultivo: ma c'è una riforma della Chiesa cattolica in corso, a cominciare dalla Curia, e in questo clima il Sinodo che verrà potrebbe essere un interessante banco di prova della Chiesa secondo Francesco. Con il clima portato da questo Papa, insomma, il Sinodo potrebbe andare più a briglia sciolta. E siccome si occuperà anche di morale sessuale, non è esclusa qualche innovazione. Se son riforme, cambieranno.

Tags:
sinodopapaattesedecisioni
in evidenza
Il direttore Perrino su Isoradio Affari commenta le elezioni 2022

Ospite de "Il sorpasso" di Monica Setta

Il direttore Perrino su Isoradio
Affari commenta le elezioni 2022


in vetrina
SFCC, nate 29 nuove Comunità Slow Food in nove Paesi e la blockchain

SFCC, nate 29 nuove Comunità Slow Food in nove Paesi e la blockchain





motori
Škoda presenta il piano per la mobilità sostenibile

Škoda presenta il piano per la mobilità sostenibile

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.