A- A+
Cronache
Stato-mafia, il Pm insiste: "Sentire Napolitano"

La Corte d'Assise di Palermo, presieduta da Alfredo Montalto, sciogliera' il 25 settembre, alla ripresa del processo sulla trattativa Stato-mafia, la riserva in ordine alla richiesta di sentire il presidente della Repubblica Giorgio Napolitano.

E' stato annunciato al termine della deposizione di Vitaliano Esposito, dopo che il procuratore aggiunto Vittorio Teresi aveva manifestato "l'opportunita' di dare corso alle necessarie attivita' per la testimonianza del presidente Napolitano".

A quel punto la Corte - "prendendo atto che il pm ritiene ancora utile la testimonianza del presidente della Repubblica" - ha annunciato che sciogliera' "la riserva che e' stata formulata il 28 novembre 2013 sulla sollecitazione rivolta da talune parti alla Corte affinche' rivaluti il provvedimento di ammissione della testimonianza di Napolitano". Teresi ha altresi' comunicato che alla ripresa dei lavori citera' come teste l'ex segretario Dc Ciriaco De Mita. Il procuratore aggiunto, il pm Nino Di Matteo, ha infine comunicato il deposito, a partire dal 21 luglio, di attivita' integrativa di indagine.

Tags:
stato mafianapolitano
in evidenza
Non solo caldo africano... Attenti ai temporali violenti

Meteo, eventi estremi

Non solo caldo africano...
Attenti ai temporali violenti

i più visti
in vetrina
Zity: a Milano il nuovo carsharing 100% elettrico

Zity: a Milano il nuovo carsharing 100% elettrico





casa, immobiliare
motori
Mercedes me Charge le nuove offerte per i clienti elettrificati della Stella

Mercedes me Charge le nuove offerte per i clienti elettrificati della Stella


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.