A- A+
Cronache
bernardoprovenzano

Il Gup di Palermo, Piergiorgio Morosini, ha sospeso il procedimento nei confronti del boss corleonese Bernardo Provenzano per la trattativa Stato-mafia. La decisione e' stata assunta oggi, dopo la consulenza medica che ha ritenuto Provenzano "totalmente incapace" di stare in giudizio a causa delle sue deteriorate condizioni psichiche.

"E' da escludersi una capacita' anche minimale del signor Provenzano Bernardo di potter partecipare coscientemente al processo", hanno scritto nella relazione consegnata ieri al Gup i periti Renato Ariatti e Renato Stracciari, che hanno visitato il boss venerdi' scorso, nell'ospedale di Parma.

I consulenti hanno riscontrato che il "quadro cognitivo attuale e' severamente compromesso" e che si e' aggravato rispetto alla situazione attestata dagli stessi medici in dicembre. Secondo i due esperti la possibilita' del paziente di avere relazioni col mondo esterno e di comunuicare "in modo congruo e proficuo" e' da ritenersi esclusa. Oltre che dei problemi legati a una sindrome parkinsoniana, Provenzano sconta anche gli effetti di una caduta che ha costretto i chirurghi a operarlo alla testa per la riduzione di un ematoma.

Tags:
stato mafiabernardo provenzano
in evidenza
Il direttore Perrino su Isoradio Affari commenta le elezioni 2022

Ospite de "Il sorpasso" di Monica Setta

Il direttore Perrino su Isoradio
Affari commenta le elezioni 2022


in vetrina
SFCC, nate 29 nuove Comunità Slow Food in nove Paesi e la blockchain

SFCC, nate 29 nuove Comunità Slow Food in nove Paesi e la blockchain





motori
Škoda presenta il piano per la mobilità sostenibile

Škoda presenta il piano per la mobilità sostenibile

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.