A- A+
Cronache
Strage di Stresa, "Saliamo in funivia per il mio compleanno?". Le storie

Dalla pagina Twitter Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico

Strage di Stresa, "Saliamo in funivia per il mio compleanno?". Le storie

Una tranquilla domenica di fine pandemia si è trasformata in tragedia a Stresa sul lago Maggiore. Un cavo della funivia che porta fino a 1500 metri di altezza sul Mottarone ha ceduto, facendo precipitare l'abitacolo e provocando una strage. Tredici persone - si legge sul Corriere della Sera - sono morte sul colpo, tra cui un bimbo di 2 anni, mentre un altro di 9 è morto all’ospedale Regina Margherita di Torino, dove è ricoverato l’unico superstite che ha 5 anni. Eitan ha perso i genitori, il fratello e il bisnonno. Le sue uniche parole ai soccorritori sono state: "Lasciatemi stare, ho paura". Adesso è in ospedale in prognosi riservata con diverse fratture sul coropo, lotta tra la vita e la morte. Quando i primi soccorritori sono arrivati sul posto hanno soltanto cinque persone ancora dentro la cabina, tutte morte, fra loro un bambino. È la vittima più piccola, si chiamava Tom, aveva due anni. Gli altri sono stati sbalzati fuori dalla violenza dello schianto, alcuni a 30-40 metri di distanza. Tutt’attorno, per un raggio di decine e decine di metri, sono disseminati zainetti, borse, pezzi di vestiti, occhiali, telefonini, scarpe.

Proprio ieri - prosegue il Corriere - era il compleanno di una delle vittime. E alla gita in cima ai 1.500 metri del Mottarone pensava da giorni. Roberta Pistolato, 40 anni, guardia medica, è partita ieri mattina da Castel San Giovanni, 13.000 abitanti nel Piacentino, proprio accanto al Po, dove abitava con il marito Angelo Vito Gasparro, guardia giurata di 45 anni. Alle 11 Roberta ha inviato alla sorella un messaggio sul cellulare: «Stiamo salendo in funivia». Storie di chi adesso non c’è più: come Serena Cosentino, 27 anni compiuti lo scorso 4 maggio, di origini calabresi, una laurea in Scienze naturali e una specializzazione in Monitoraggio e riqualificazione ambientale conseguita alla Sapienza con 110 e lode. Da due mesi aveva vinto una borsa di studio del Cnr e si era trasferita a Verbania per indagare sulla presenza di microplastiche nel Lago Maggiore. Serena era appena guarita dal Covid, per festeggiare in questa domenica di bel tempo e di vincoli ormai allentati era arrivato da Roma il fidanzato, Mohammed Reza Shahisavandi, 30 anni, iraniano, che studiava nella Capitale e si pagava gli studi lavorando in un bar.

Commenti
    Tags:
    strage stresatragedia funiviatragedia lago maggiorefunivia mottaronefunivia stresacronache stresamorti funivia stresanumero morti stresa
    in evidenza
    Cristina D'Avena, bikini esplosivo Fans: "Per tutti i puffi". LE FOTO

    Wanda, Fico e... Gallery Vip

    Cristina D'Avena, bikini esplosivo
    Fans: "Per tutti i puffi". LE FOTO

    i più visti
    in vetrina
    Come conciliare il risparmio con il rispetto dell'ambiente

    Come conciliare il risparmio con il rispetto dell'ambiente





    casa, immobiliare
    motori
    Mustang Mach-E: Il primo SUV completamente elettrico di Ford

    Mustang Mach-E: Il primo SUV completamente elettrico di Ford


    Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

    © 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

    Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

    Contatti

    Cookie Policy Privacy Policy

    Cambia il consenso

    Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.