A- A+
Cronache

Nuovi aggiornamenti sulla scomparsa di Roberta Ragusa che potrebbe essere a una svolta. A rivelare altri dettagli sulla notte della scomparsa della donna è Quarto Grado che intervista la mamma di una nuova super-testimone. La donna rivela che anche la figlia quella notte avrebbe visto Logli, il marito di Roberta, con un'altra donna, presumibilmente la sua amante, e il padre dell'uomo. Testimonianza che conferma la versione anche di un altro testimone Loris Gozi, che avrebbe visto la stessa scena.

Pare infatti che la figlia stesse compiendo il tragitto in bicicletta per andare all’ospedale e poi in farmacia. Secondo la madre intervistata dai giornalisti del programma di Rete 4, sua figlia non avrebbe raccontato tutto subito per la vergogna di dover spiegare che cosa ci faceva a quell'ora della notte fuori casa. Sempre dalle parole della signora scopriamo che sua figlia ha detto anche di aver visto una macchina bianca, forse la macchina di Logli.

Per il caso dell'imprenditrice pisana svanita nel nulla la notte tra il 13 e il 14 gennaio 2012, da oltre un anno la procura di Pisa ha iscritto nel registro degli indagati il marito , Antonio Logli, con l'accusa di omicidio e occultamento di cadavere e da alcuni mesi sono accusati in concorso con lui anche la nuova compagna ed ex amante dell'uomo, Sara Calzolaio, e il suocero di Roberta Ragusa, Valdemaro Logli.

Per il caso Roberta Ragusa saranno decisivi i prossimi mesi, infatti entro maggio 2014 le indagini devono essere concluse. Il 7 maggio infatti è il termine entro il quale il pm Aldo Mantovani dovrà o richiedere il rinvio a giudizio o l'archiviazione per Antonio Logli, il marito e l'unico indagato per l'omicidio della donna.

LA SENSITIVA: CERCATELA NEL POZZO/ Durante la manifestazione per non dimenticare la donna scomparsa da ormai due anni, Tiziano Vason, un volontario della protezione civile di Firenze ha rivelato che i resti dell'imprenditrice toscana si troverebbero sul Monte Serra. A individuarli è stata una sensitiva piuttosto nota, che però vuole rimanere anonima.

 ''La donna - ha spiegato - ha individuato un canalone a circa 400 metri di distanza dal centro abitato di Castelvecchio Compito, sul versante lucchese del Monte Serra''. Inutile dire che, anche a causa della volontà di restare anonima, la sensitiva ha immediatamente fatto accendere i riflettori su di sé. "E' fortemente provata dal punto di vista emotivo e nelle prossime ore decidera' in quale forma mettersi in contatto con le forze dell'ordine'', ha spiegato il volontario, ribadendo che la donna "vuole mantenere l'anonimato e non vuole essere contattata dai mass media". "Pero' noi eravamo con lei e ci ha detto che il corpo si trova a un metro di profondita' nel sottosuolo e credo che valga la pena andare subito a controllare'', ha concluso.

Sulla serietà della sensitiva è pronta a scommettere anche Donatella Raggini, volontaria del gruppo Facebook 'Troviamo Roberta Ragusa'. 'La conosco bene - ha detto - e non e' una persona in cerca di pubblicita'. Il posto lo ha individuato attraverso le sue 'visioni': un sasso particolare, un frammento di nylon blu e un albero tagliato. Tutti indizi che oggi erano presenti e ben visibili nel luogo dove siamo andati''.

Tags:
ragusatestimonedonna
in evidenza
Energia e misurabilità ESG Svolta nel libro di Dal Fabbro

Transizione green

Energia e misurabilità ESG
Svolta nel libro di Dal Fabbro

i più visti
in vetrina
Caldo record e rincari Condizionatori, come scegliere i migliori: i consigli per risparmiare

Caldo record e rincari
Condizionatori, come scegliere i migliori: i consigli per risparmiare





casa, immobiliare
motori
Ford Bronco sbarca in Europa

Ford Bronco sbarca in Europa


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.