A- A+
Cronache
L'allarme: "Arsenico nell'acqua". Dalla Puglia alla Toscana...

''C'e' inquinamento da arsenico a Taranto. Lo documenta uno studio del Consiglio nazionale delle ricerche''. Lo riferiscono Alessandro Marescotti e Fulvia Gravame, rispettivamente presidente ed esponente di Peacelink. Lo studio e' stato presentato oggi nella sede centrale del Cnr a Roma.

''Lo studio - affermano - conferma l'allarme lanciato da PeaceLink nel 2009'' che allora invito' a compiere ricerche in merito alla presenza di arsenico a Taranto per verificare l'esposizione della popolazione. ''I preoccupanti risultati, appena pubblicati su Epidemiologia & Prevenzione, sono frutto dello studio Sepias del Cnr''. Sepias significa 'Sorveglianza Epidemiologica Arsenico' e riguarda aree interessate da inquinamento ambientale da arsenico di origine naturale o antropica.

''Lo studio ha toccato, oltre che Taranto, anche Gela, Viterbo e l'Amiata - evidenzia Peacelink - verificando una esposizione della popolazione ad una sostanza che l'Organizzazione mondiale della sanita' ha ufficialmente classificato, specie quello inorganico trivalente, tra le sostanze 'cancerogene per gli esseri umani'''. L'associazione riporta le parole del coordinatore dello studio, Fabrizio Bianchi, secondo il quale ''per quanto riguarda l'arsenico inorganico sono stati osservati valori medi di concentrazione elevati, sulla base di quelli di riferimento nazionali e internazionali per il biomonitoraggio umano, in un soggetto su quattro sul totale, ma con rilevanti differenze: 40% Gela, 30% Taranto, 15% viterbese, 12% Amiata. Questi dati, da usare con cautela in considerazione dei piccoli campioni, non sono marcatori di malattia ma testimoniano l'avvenuta esposizione''.

Ma non è solo la Puglia a rischiare. La contaminazione da arsenico riguarda anche l'Amiata e il viterbese. Nel sangue e nelle urine di cittadini e lavoratori, l'arsenico è un imbroglio travestito di acqua buona e polvere, nei più innocui dei casi. Non a caso i risultati dello studio SEpiAS – Sorveglianza epidemiologica in aree interessate da inquinamento ambientale da arsenico di origine naturale o antropica pubblicato sulla rivista Epidemiologia e prevenzione, denunciano che in molti residenti nelle aree valutate ci sono livelli di arsenico superiori alla norma.

Tags:
tarantoarsenico
in evidenza
Blasi, fuga romantica in Trentino È giallo sull'accompagnatore

Ilary in vacanza sui monti- FOTO

Blasi, fuga romantica in Trentino
È giallo sull'accompagnatore


in vetrina
ASPI, selezionate le top 20 mete dell’estate 2022 su Wonders

ASPI, selezionate le top 20 mete dell’estate 2022 su Wonders





casa, immobiliare
motori
Nave Destriero: da 30 anni un record imbattuto

Nave Destriero: da 30 anni un record imbattuto


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.