A- A+
Cronache

Ventiquattro attivisti No tav sono stati condannati a Torino per i disordini del 17 febbraio 2010 in Valsusa e a Torino. Le pene, per i reati di resistenza e violenza a pubblico ufficiale, vanno dai 4 ai 9 mesi. I tafferugli erano iniziati in Valsusa dove alcuni attivisti avevano cercato di impedire una trivellazione. Un ragazzo era rimasto ferito ed era stato portato alle Molinette di Torino: davanti all'ospedale si raduno' un gruppo di dimostranti e ci furono altri tafferugli.

La sera, degli attivisti andarono davanti alla tipografia de La Stampa per bloccare i camion che trasportavano i giornali. Era contestata anche la rapina di un'agendina a un poliziotto, fatto che pero' per il giudice non sussiste. Per alcuni condannati, che hanno avuto altre condanne recenti, e' stata revocata la sospensione condizionale della pena.

Tags:
tavcondannatino tav
in evidenza
Automotive, da ALD la svolta Arrivano nuove soluzioni green

Tra mobilità e sostenibilità

Automotive, da ALD la svolta
Arrivano nuove soluzioni green


in vetrina
Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica

Fotovoltaico Plug and Play, ecco la soluzione green contro la crisi energetica





motori
BMW XM, alte prestazioni a trazione elettrificata

BMW XM, alte prestazioni a trazione elettrificata

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.