A- A+
Cronache

Ventiquattro attivisti No tav sono stati condannati a Torino per i disordini del 17 febbraio 2010 in Valsusa e a Torino. Le pene, per i reati di resistenza e violenza a pubblico ufficiale, vanno dai 4 ai 9 mesi. I tafferugli erano iniziati in Valsusa dove alcuni attivisti avevano cercato di impedire una trivellazione. Un ragazzo era rimasto ferito ed era stato portato alle Molinette di Torino: davanti all'ospedale si raduno' un gruppo di dimostranti e ci furono altri tafferugli.

La sera, degli attivisti andarono davanti alla tipografia de La Stampa per bloccare i camion che trasportavano i giornali. Era contestata anche la rapina di un'agendina a un poliziotto, fatto che pero' per il giudice non sussiste. Per alcuni condannati, che hanno avuto altre condanne recenti, e' stata revocata la sospensione condizionale della pena.

Tags:
tavcondannatino tav
in evidenza
Wanda Nara, perizoma e bikini Lady Icardi è la regina dell'estate

Foto mozzafiato della soubrette

Wanda Nara, perizoma e bikini
Lady Icardi è la regina dell'estate

i più visti
in vetrina
Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità

Pasta Garofalo, il pastificio presenta il suo primo Report di Sostenibilità





casa, immobiliare
motori
Mercedes-Benz protagonista al Salone del Camper di Düsseldorf 2021

Mercedes-Benz protagonista al Salone del Camper di Düsseldorf 2021


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.