A- A+
Cronache

Il consiglio dei Ministri ha approvato lo schema di disegno di legge concernente la ratifica dell'Accordo stipulato a Roma, il 30 gennaio scorso, tra il Governo italiano e quello francese, che integra il precedente Accordo stipulato il 29 gennaio 2001, al fine di stabilire le condizioni di realizzazione del progetto di collegamento ferroviario misto merci-viaggiatori tra Torino e Lione, nonche' le condizioni di esercizio di tale opera, una volta realizzata. Lo annuncia un comunicato del ministero delle Infrastrutture.

L'Accordo, prosegue il comunicato, stabilisce, inoltre, le condizioni di un migliore utilizzo della linea storica del Frejus, definendo in particolare le misure di accompagnamento del progetto e le misure di sicurezza; prevede, altresi', per i costi di prima fase, una riduzione della percentuale a carico dell'Italia, ora fissata al 57,9% - a fronte della percentuale prevista inizialmente, in relazione agli interventi di parte comune tra i due Paesi, nella misura del 63% per la parte italiana - ferma restando la ripartizione in misura paritaria, tra i due Paesi, dell'eventuale surplus dei costi sopra indicati. Con l'approvazione del disegno di legge, sottolinea la nota, "il Governo conferma la decisione della priorita' di quest'opera strategica la cui realizzazione comportera' evidenti benefici in termini di: dimezzamento dei tempi di percorrenza per i passeggeri (da Milano a Parigi si passa da 7 ore e mezza a 4); incremento della capacita' nel trasporto merci (portata da 1.050 a 2.050 tonnellate e lunghezza fino a 750 metri per treno, con costi di esercizio quasi dimezzati); riduzione del numero di camion su strada (circa 600.000 l'anno) con evidenti vantaggi per l'ambiente: riduzione annuale di emissioni gas serra (a regime 3 milioni di tonnellate equivalenti di anidride carbonica corrispondente alla Co2 di una citta' di 300 mila abitanti); trasformazione della linea esistente in metropolitana di valle a servizio dei residenti; riduzione degli incidenti stradali e dei connessi costi sociali.

La realizzazione del progetto, afferma ancora la nota, "avra' ripercussioni favorevoli sul fattore occupazionale, mediante la creazione di nuovi posti di lavoro, che e' valutata in un incremento di piu' di mille persone direttamente impegnate nell'opera e duemila occupati indiretti. L'attenzione sulla sostenibilita' della Tav e' stata confermata, inoltre, anche dall'approvazione, nelle Commissioni di merito del Senato, in sede di conversione del DL "Piombino", dell'emendamento che ha stanziato 30 milioni di euro per il triennio 2013-2015 (10 l'anno) per le opere di compensazione per i comuni della Valle di Susa, cioe' di interventi di riqualificazione del territorio che saranno individuati dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti e dai rappresentanti degli enti locali. Si tratta di risorse che metteranno in moto investimenti, e che quindi non verranno computate ai fini del patto di stabilita' interna". "Sono soddisfatto dell'accelerazione che stiamo dando a quest'opera strategica - ha dichiarato il ministro Maurizio Lupi - mantenendo tutti gli impegni che ci siamo assunti con i rappresentanti degli enti locali, con la Francia e con l'Unione europea".

Tags:
italiafranciaaccordo
in evidenza
Heidi Klum reggiseno via in barca Diletta Leotta da sogno in vacanza

Wanda Nara.... che foto

Heidi Klum reggiseno via in barca
Diletta Leotta da sogno in vacanza

i più visti
in vetrina
Nicole Daza, chi è la compagna di Marcell Jacobs: la biografia

Nicole Daza, chi è la compagna di Marcell Jacobs: la biografia





casa, immobiliare
motori
Honda HR-V, arriva la tecnologia full Hibird

Honda HR-V, arriva la tecnologia full Hibird


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.