A- A+
Cronache
Uno studio rivela: mega terremoto provocherà uno tsunami devastante

Vesuvio, Comuni da evacuare. Scienziati: farà un milione di morti in 15 minuti

Nuova scossa di terremoto al Sud? La paura viaggia in Rete

Yellowstone, bisonti in fuga. "Devastante eruzione in arrivo"

 

L’Indonesia è probabilmente uno dei pochi paesi del pianeta che nel corso della sua storia ha subito il più grande numero di disastri naturali. Il 27 Agosto del 1883 lo scoppio di un vulcano, oltre a provocare il suono più forte mai udito sul pianeta, con un fragore che arrivò a quasi 5000 chilometri di distanza, polverizzò in pochi secondi l’isola sulla quale sorgeva, originando un mega tsunami di oltre i 40 metri che si è velocemente propagato in tutto lo Stretto della Sonda.

Solo nel Dicembre 2004, poco a nord-ovest delle coste settentrionali di Sumatra (a largo di Banda Aceh), si è verificato uno dei terremoti più distruttivi, magnitudo 9.0, registrati in questi ultimi decenni sul pianeta. Purtroppo quel drammatico sisma di grande energia diede origine al terribile tsunami che nel giro di poche ore spazzo tutte le coste meridionali asiatiche, dalla Thailandia all’India orientale, lo Sri Lanka e persino gli splenditi atolli delle Maldive (persino l’aeroporto della capitale Malè fu allagato con l’acqua di mare che porto dietro di se resti e detriti della barriera corallina), le coste della Somalia e quelle del Kenya, ove l’onda arrivò poco più smorzata (ma ebbe effetti distruttivi lungo i villaggi costieri), mietendo oltre 220 mila morti.

Nonostante la tragedia del 2004, pare, secondo dei nuovi studi, che l’Indonesia, in particolare l’area di Sumatra, si debba preparare ad affrontare un nuovo mega terremoto, con conseguente tsunami.

Tra tutti spicca lo studio, piuttosto recente di, Kerry Sieh, professore del California Institute of Technology e direttore dell’Earth Observatory di Singapore. Il professore statunitense, in questo suo studio, ha evidenziato come la famosa faglia di Sumatra, responsabile del disastroso terremoto del Dicembre 2004, sia ancora carica in più punti. Si tratta della stessa energia, accumulata nel corso degli ultimi secoli, che da un momento all’altro potrebbe ricaricare nuovi segmenti di faglia, producendo nuovi forti terremoti, con magnitudo anche superiore agli 8.5 gradi Richter, più che sufficiente per un nuovo tsunami. Seppur lo studio di Sieh non trova tutti i sismologi d’accordo, alcuni segnali premonitori stanno cominciando a rafforzare tale ipotesi. Su tutti spicca il nuovo forte terremoto, di magnitudo 8.6 Richter, che lo scorso 12 Aprile 2012 si è verificato nell’oceano Indiano, ad ovest delle coste di Sumatra. Questi fortissimi terremoti, localizzati ad ovest di Sumatra, secondo gli studi di Sieh vanno interpretati come dei segnali premonitori per un possibile nuovo fortissimo ciclo sismico. Anche lo studio della sismicità storica ha messo in evidenza che due potentissimi terremoti (paragonabili a quello del 2004) avevano sconvolto l’Indonesia nel 1393 e nel 1450, a neanche mezzo secolo di distanza. Si tratta di cicli sismici ben specifici, che si ripetono con periodi medi di ritorno piuttosto regolari nell’intera area indonesiana, fra Sumatra e l’isola di Giava. Negli ultimi due anni anche le osservazioni terrestri e l’impiego dei rilevatori GPS, posizionati in vari luoghi e isole di Sumatra, stanno mostrando la graduale deformazione del fondale oceanico, nel tratto antistante le coste occidentali di Sumatra e in quelle di Giava.

In alcune isole, ad ovest di Sumatra, la barriera corallina è riemersa sopra il pelo dell’acqua in più parti, provocando la rapida morte del corallo. Segnali premonitori davvero poco incoraggianti che rafforzano quanti sostenuto dal professore Kerry Sieh, il quale si è già messo a lavoro per individuare le aree maggiormente a rischio, dove potrebbe registrarsi l’epicentro del nuovo mega terremoto.

Da meteoweb.eu

 

pompeii 500 4

Guarda la gallery - Pompei, il racconto del disastro. Il Vesuvio erutta sul grande schermo

 

 

Tags:
terremototsunami
in evidenza
Chiara Ferragni: look audace al concerto di Fedez. Foto

"E' il mio corpo, la mia scelta"

Chiara Ferragni: look audace al concerto di Fedez. Foto

i più visti
in vetrina
Scatti d'Affari EssilorLuxottica e Meta: ecco i nuovi Smart Glasses Ray-Ban Stories

Scatti d'Affari
EssilorLuxottica e Meta: ecco i nuovi Smart Glasses Ray-Ban Stories





casa, immobiliare
motori
Renault elettrifica la gamma commerciale con Kangoo van e-tech

Renault elettrifica la gamma commerciale con Kangoo van e-tech


Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.