A- A+
Cronache
Torino, gravidanza in utero fuori dall'addome: mamma e figlia salvate

Gravidanza in utero fuori dall'addome, parto riuscito

Nei giorni scorsi al Sant’Anna di Torino è stata fatta partorire una donna con una gravidanza in utero erniato, ovvero all'interno di una grande ernia, al di fuori della cavità addominale. Uno lavoro di équipe, che ha coinvolto ginecologi, ostetriche, chirurghi generali, radiologi e anestesisti della Città della Salute di Torino, e ha permesso di risolvere un caso ad alto rischio, di utero totalmente all'interno di una grande ernia attraverso la parete addominale in una donna alla sua quinta gravidanza.

Alcuni giorni prima del parto, una donna di 43 anni dalla provincia di Cuneo era stata ricoverata all'ospedale Sant'Anna di Torino, presso la Ginecologia e Ostetricia universitaria 1, diretta da Chiara Benedetto, per essere sottoposta ad un’attenta valutazione multidisciplinare. L’esecuzione di una risonananza magnetica aveva permesso di confermare il sospetto clinico di un’ampia ernia della parete addominale complicata dalla presenza dell’utero gravido all’interno del sacco erniario al di fuori dell'addome. Vista l’eccezionalità del caso clinico, in tutto il mondo, in più di 50 anni, sono stati descritti solo 16 casi di gravidanze a termine in un utero erniato al di fuori dell’addome, si è reso necessario pianificare l’espletamento del parto sfruttando i più recenti mezzi tecnologici a disposizione, allo scopo di tutelare sia la salute materna che quella fetale.

L’équipe ginecologico - ostetrica ha eseguito il taglio cesareo alla trentasettesima settimana di epoca gestazionale, avvalendosi di un controllo ecografico intra-operatorio per garantire la nascita in sicurezza della bambina (2240 gr) e la preservazione dell’utero, nonostante la difficile situazione anatomica. Si è poi provveduto, in collaborazione con l’équipe di chirurghi generali, alla ricostruzione della parete addominale della neomamma, mediante l’utilizzo di una protesi biologica, per ridurre al minimo il rischio di complicanze. Dopo un breve ricovero in terapia intensiva per un monitoraggio attento dei parametri vitali e delle condizioni cliniche, la neomamma ha proseguito la degenza nel reparto di Ostetricia ed è stata dimessa dopo 6 giorni, visto il decorso privo di complicanze. “Si tratta dell'ennesimo intervento miracoloso che ha permesso di salvare mamma e neonata. Ancora una volta la Città della Salute di Torino conferma di essere un'eccellenza a livello piemontese ed italiano in tutti i campi della sanità - sottolinea il direttore generale della Città della Salute di Torino, Giovanni La Valle, complimentandosi per “il lavoro sinergico delle numerose équipes che hanno partecipato a questo straordinario intervento multispecialistico”

Iscriviti alla newsletter
Tags:
gravidanzapartoutero
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Matteo Berrettini is back, che balzo in classifica Atp: oltre 30 posizioni

Così è rinato il tennista azzurro

Matteo Berrettini is back, che balzo in classifica Atp: oltre 30 posizioni


in vetrina
Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico

Un racconto sulle assurdità del nazismo: la recensione di Ferrovie del Messico





motori
Luca de Meo CEO Renault: "serve flessibilità per la transizione ai veicoli elettrici"

Luca de Meo CEO Renault: "serve flessibilità per la transizione ai veicoli elettrici"

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.