A- A+
Cronache
Travolta e uccisa in kayak. Preso il proprietario della barca killer
Cristina Frazzica

Posillipo, preso il proprietario dello yacht che ha travolto e ucciso Cristina

Sarebbe stata individuata ed è in fase di recupero e di sequestro l'imbarcazione ritenuta responsabile del grave incidente costato la vita a Cristina Frazzica, 31 anni deceduta dopo essere stata investita nel pomeriggio di domenica scorsa mentre era su un kayak insieme con l'amico avvocato nelle acque di Posillipo, a Napoli. Le immagini dei sistemi di video sorveglianza della residenza presidenziale Villa Rosebery ma non abbastanza chiare per consentire una individuazione certa avevano però fornito la dinamica dell'accaduto e su questo hanno lavorato gli investigatori della polizia giudiziaria e della Procura. L'individuazione di chi era alla guida sarebbe quindi cosa fatta.

Posillipo, caccia allo yacht che ha travolto e ucciso Cristina. "La canoa scagliata quindici metri più avanti"

Cristina Frazzica, 30 anni, è morta domenica pomeriggio, travolta da un’imbarcazione, nel golfo di Napoli davanti a Posillipo, mentre era in kayak con un amico. Cristina era originaria di Voghera ma viveva a Napoli da qualche mese per un tirocinio. La donna sarebbe morta sul colpo, mentre Vincenzo Leone, il ragazzo che era con lei si è salvato riuscendo a buttarsi in mare. "Era uno yacht, - racconta Vincenzo, 33 anni, a Il Corriere della Sera - andava forte, ci ha presi in pieno. Io ho fatto in tempo a tuffarmi e a scendere sott'acqua. Lei invece è rimasta sul kayak. Mi sono accorto subito che la mia amica era morta, era a faccia in giù e ho visto il sangue in acqua. Una scena che non dimenticherò mai più".

Leggi anche: Omicidio Pierina, stop ad accertamenti sul Dna. Le telecamere inguaiano Louis

La tragedia è avvenuta - prosegue Il Corriere - nello specchio d'acqua davanti a Villa Rosebery, a Posillipo, la residenza napoletana del presidente della Repubblica Sergio Mattarella, per questo sono a setaccio le telecamere della zona per cercare di ricostruire l'accaduto e individuare l'imbarcazione che ha travolto i due amici sul kayak. "Cristina - prosegue Vincenzo - era seduta davanti, io dietro. È accaduto tutto all'improvviso. Lei si è girata e ha visto l'imbarcazione, era uno yacht. Si avvicinava in fretta. D’istinto mi sono gettato in mare e sono andato sott’acqua per circa 40-50 centimetri e mi è passata sopra. La canoa è stata colpita e scagliata una quindicina di metri più avanti. Io sono stato soccorso da una barca, ma la mia amica era già morta".

Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
Annalisa, il duetto con Tananai infiamma i social. I fan sognano la coppia

Guarda il video

Annalisa, il duetto con Tananai infiamma i social. I fan sognano la coppia


in vetrina
Mama Industry, la rivoluzione nella consulenza delle PMI: intervista al fondatore Marco Travaglini

Mama Industry, la rivoluzione nella consulenza delle PMI: intervista al fondatore Marco Travaglini





motori
Fiat svela la Grande Panda: il futuro della mobilità urbana

Fiat svela la Grande Panda: il futuro della mobilità urbana

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.