A- A+
Cronache
Permesso di soggiorno anche ai pusher: clamorosa sentenza del Tar dell'Umbria

Permesso di soggiorno ai pusher, negarlo a chi ha condanne per droga è incostituzionale: la sentenza 

Era già stato condannato per reati legati alla droga e, proprio per questo, gli era stato negato il rinnovo del permesso di soggiorno. Il Tar (Tribunale amministrativo regionale) dell'Umbria, però, nonostante abbia riconosciuto la precedente sentenza a carico dell'uomo, ha accolto la richiesta di sospensiva - il procedimento con cui si sospende l'efficacia di un provvedimento, in questo caso non poter rinnovare il permesso di soggiorno - presentata dagli avvocati difensori. 

Il Tar umbro, per questa decisione, si è basato sulla discussione in corso tra Consiglio di Stato e Corte Costituzionale, i quali disputano sulla incostituzionalità di rinnovare i permessi di soggiorno ai cittadini stranieri gravati da precedenti penali.  

La condanna per droga non è quindi motivo per il rigetto della domanda di rinnovo del permesso di soggiorno

Il Tar dell’Umbria ha perciò accolto la richiesta di sospensiva di uno straniero residente a Perugia, difeso dagli avvocati Antonio Cozza e Giulia Camorri, del decreto emesso dal questore della Provincia di Perugia “con il quale è stata rigettata l’istanza volta ad ottenere il rinnovo del permesso di soggiorno”, motivato sulla base di una precedente condanna per reati legati agli stupefacenti.

I giudici amministrativi, pur ricordando che una condanna per tali reati “sia automaticamente ostativa al rilascio ovvero al rinnovo del titolo di soggiorno”, hanno sottolineato che questo automatismo è stato messo in dubbio dal Consiglio di Stato, che ha sollevato la questione di legittimità costituzionale.

In attesa della decisione della Corte Costituzionale, quindi, e siccome “dall’esecuzione del provvedimento deriverebbe a carico del ricorrente un pregiudizio grave ed irreparabile, comportando per lo stesso l’obbligo di lasciare il territorio dello Stato”, il Tar ha accolto l’istanza cautelare, rinviando a giugno per la camera di consiglio.

PerugiaToday fa sapere che la storia ha avuto inizio nei mesi scorsi, quando l'uomo fu giudicato dal tribunale di Perugia colpevole del reato di spaccio di droga. Sulla base di quel verdetto, il questore di Perugia aveva firmato un decreto con il quale gli veniva rifiutata la richiesta di rinnovo del permesso di soggiorno. Un provvedimento contro il quale l'uomo aveva fatto ricorso. E il tribunale amministrativo regionale si è per il momento espresso a suo favore, pur riconoscendone la colpevolezza. In particolare, ha deciso in via temporanea di sospendere il giudizio, fino a quando sulla questione non verrà sciolto il nodo sollevato a livello nazionale.

Iscriviti alla newsletter
Tags:
permesso di soggiornopusherstranieroumbria
Iscriviti al nostro canale WhatsApp





in evidenza
"Tu che che cazzo vuoi? Non alzare la voce"

De Filippi furiosa in tv

"Tu che che cazzo vuoi? Non alzare la voce"


in vetrina
Annalisa, "la lingua era nella sua gola...". Quando ha rischiato di morire

Annalisa, "la lingua era nella sua gola...". Quando ha rischiato di morire





motori
CUPRA Born VZ: prestazioni elettriche senza compromessi

CUPRA Born VZ: prestazioni elettriche senza compromessi

Testata giornalistica registrata - Direttore responsabile Angelo Maria Perrino - Reg. Trib. di Milano n° 210 dell'11 aprile 1996 - P.I. 11321290154

© 1996 - 2021 Uomini & Affari S.r.l. Tutti i diritti sono riservati

Per la tua pubblicità sul sito: Clicca qui

Contatti

Cookie Policy Privacy Policy

Cambia il consenso

Affaritaliani, prima di pubblicare foto, video o testi da internet, compie tutte le opportune verifiche al fine di accertarne il libero regime di circolazione e non violare i diritti di autore o altri diritti esclusivi di terzi. Per segnalare alla redazione eventuali errori nell'uso del materiale riservato, scriveteci a segnalafoto@affaritaliani.it: provvederemo prontamente alla rimozione del materiale lesivo di diritti di terzi.